Il ricordo

 


 

Nei giardini assolati placida la mia ombra riposa

sfiorata dal candido profumo di una rosa.

Trascinati da una cascata di pensieri,  

rimontano incalzanti i giorni di ieri.

Allora il ricordo mi assale,

mi impregna la bocca di sale,

mi infilza la mente come lingua tagliente,

sventrando  sul nascere un’emozione imminente.

Quei giorni di ieri ormai andati, 

abbracciano attimi  di vita perduti  e rinnegati, 

risorgono veementi nel mio cuore innocente,

che ondeggia tremante sull'orlo di un vuoto abissale 

che come un vortice risucchia la pace.


Caterina Alagna









Omologazione

Sempre gli stessi volti svuotati installati su stonate piattaforme incorniciate da campanili  e famose torri, vanamente esaltati sopra un dr...