Il tramonto del pensiero

 


 

Piove l'oscurità sulle strade logore

sulle teste immensamente vuote

sulle bocche pullulanti di parole ignobili

traboccanti d'odio e di eccessi incolti

s'immerge nelle paludi stagnanti

menti generatrici di pensieri ignoranti

dove affonda la coscienza intorpidita

dimentica ormai delle bellezze della vita

labile brilla la luce dell'ingegno che

recondito si asconde nei tetri anfratti 

dell'intelletto.

 

Piove l'oscurità sulle strade logore

e offuscato si manifesta il firmamento 

agli occhi scialbi della gente

dove spente si riparano le stelle

ogni stella è un lume e ogni lume è un'idea

ma la notte è già precipitata

penetrata negli isolati calli dell'anima

e il pensiero è ormai tramontato.


Caterina Alagna


 



 


 


Istanti perduti


Quanti aliti ferventi

ho visto infradiciarsi

in un pantano di istanti

perduti

 

Spiriti impaniati 

nell'attesa di una risposta 

saliente

di un'occasione perfetta

inconsci del tremendo

senso di niente 

che pervade il mondo e le

nostre vene.

 

La felicità è solo un istante

un effimero lembo

di vita

ora nasce ed è gia finita

 

Mangia l'istante

Assapora la vita

 

 

Caterina Alagna




L' ineluttabilità del Fato

Oggi voglio  dedicare questo spazio alla canzone d'autore italiana. Il cantautore  a cui desidero rendere omaggio è Roberto Vecchioni. Paroliere, poeta e muscista,  non si può non menzionare la sua più grande passione: l'insegnamento. Ha lavorato, infatti, come docente di greco e latino in vari licei classici, tra Milano e Brescia, dal 1969 al 2004. Ha ottenuto, in seguito, la cattedra di docente universitario presso l' Università di Torino, dove ha insegnato per tre anni " Forme di poesia in musica". 

Di origini napoletane, nasce a Carate Brianza il 25 giugno 1943. Ha pubblicato più di 25 album e venduto oltre 6 milioni di copie. Raggiunge l'apice del successo nel 1977  con l'album "Samarcanda" , a cui seguiranno "Robinson" nel 1980 e "Milady" nel 1989. Nel 1992, grazie al brano  "Voglio una donna", inserito nell' album "Camper", vince il Festival Bar. Nel 1997 pubblica "Il bandolero stanco " e nel 2002 esce "Il lanciatore di coltelli ". Nel 2011 vince il Festival di Sanremo con la bellissima canzone "Chiamami ancora amore".

Il brano musicale che ho scelto è "Samarcanda", dell'omonimo album. Samarcanda è una canzone meravigliosa caratterizzata, però, da sonorità che rischiano di allontanare l'ascoltatore dal vero significato del testo. Quante volte, trasportati da quel ritmo incalzante, sostenuto dal riff inconfondibile del violino di Angelo Branduardi, l'abbiamo ascoltata senza prestare molta attenzione alle parole. Ma di cosa parla "Samarcanda" ? Il brano ci conduce nelle atmosfere di terre orientali e racconta di un soldato che rientra dalla guerra, il quale, insieme alla folla festante, si getta, gioioso e danzante, per le strade della città  per esser scampato al pericolo. Ma proprio tra la folla si accorge della presenza di una Nera Signora che gli sta vicino e lo guarda con malignità. La Nera Signora rappresenta la personificazione della morte. Il soldato, credendo che la morte sia lì per lui, in preda allo spavento, riesce a farsi donare dal sovrano il cavallo più veloce del regno per fuggire il più lontano possibile. Fugge fino a Samarcanda, ma una volta arrivato, sarà accolto da una terribile sorpresa: la Nera Signora lo attende proprio in quella città e lui, fuggendo, non ha fatto che altro che assecondare il proprio destino. In poche parole, non si può mai sfuggire alla propria sorte. Sulle nostre teste incombe la forza del Fato alla quale dobbiamo sottostare. Il tema della canzone rimanda alle credenze dell' antica cultura greca la quale, per dare un senso alle ingiustizie e agli eventi dolorosi che affliggevano la vita delle  persone, anche di quelle virtuose, ricorreva a questa forza potente, il Fato, contro la quale neanche gli dèi potevano ribellarsi. Gli stessi dèi soccombono alla volontà del destino. Emblematica, in tal senso, è la tragedia di Soflocle, l' "Edipo re". L'oracolo raccomanda a Laio, re di Tebe, di non avere figli, perchè il figlio, una volta adulto, lo avrebbe ucciso per sposare sua moglie, Giocasta. Laio, però, una notte, in preda all'ebbrezza, si unisce a sua moglie. I due concepiscono un bambino, Edipo. Il re, spaventato dalla profezia, abbandona il bambino sul monte Citerone, dove viene trovato da un pastore che  lo affida a Polibo e Peribea, sovrani di Corinto,  che lo adottano. Una volta adulto, Edipo, venuto a sapere della profezia che incombe sulla sua testa, ignorando che Polibo non sia il suo vero padre, per impedire che la profezia si realizzi, fugge da Corinto e, prima di arrivare a Tebe e diventarne sovrano,  uccide sulla strada un vecchio per futili motivi. Quel vecchio non è altri che Laio, il suo vero padre. Edipo, completamente ignaro, giunge a Tebe, risolve l'enigma della Sfinge e diventa sovrano, finendo per sposare Giocasta, ovvero sua madre. Il Fato ha avuto la meglio su di lui. La tregedia si conclude nel peggiore dei modi: Giocasta si toglie la vita, e lui, una volta divenuto consapevole dei fatti, per non vedere la verità, decide di cavarsi gli occhi con la fibbia della veste di lei, chiedendo di essere esiliato dalla città

Personalmente  non penso che esista il Fato, ma diciamo che preferisco credere, piuttosto, che ogni uomo sia artefice del proprio destino (Quisque faber est fortunae suae). Vero è che l'uomo non può sempre scegliere ciò che è meglio per lui  e,  spesso,  si ritrova ad assistere passivamente allo sviluppo degli eventi che affollano la sua vita. E' il destino davvero una forza potente o non è altro che la summa di conseguenze di scelte fatte da altri ma che finiscono per condizionare la nostra di vita? Propendo più per la seconda ipotesi. Gli uomini sono incredibilmente interconnessi gli uni con gli altri, vivono come in un processo di osmosi, e le scelte di ogni singolo individuo, a sua insaputa, finiscono per  determinare la vita degli altri, anche di coloro di cui ne ignora l'esistenza.

 

Samarcanda

Ridere, ridere, ridere ancora,
Ora la guerra paura non fa,
Brucian nel fuoco le divise la sera,
Brucia nella gola vino a sazietà,
Musica di tamburelli fino all'aurora,
Il soldato che tutta la notte ballò
Vide tra la folla quella nera signora,
Vide che cercava lui e si spaventò 
 
Salvami, salvami, grande sovrano,
Fammi fuggire, fuggire di qua,
Alla parata lei mi stava vicino,
E mi guardava con malignità
Dategli, dategli un animale,
Figlio del lampo, degno di un re,
Presto, più presto perché possa scappare,
Dategli la bestia più veloce che c'è 
 
Corri cavallo, corri ti prego
Fino a Samarcanda io ti guiderò,
Non ti fermare, vola ti prego
Corri come il vento che mi salverò
Oh oh cavallo, oh, oh cavallo, oh oh cavallo, oh oh, cavallo, oh oh 
 
Fiumi poi campi, poi l'alba era viola,
Bianche le torri che infine toccò,
Ma c'era su la porta quella nera signora
Stanco di fuggire la sua testa chinò:
Eri fra la gente nella capitale,
So che mi guardavi con malignità,
Son scappato in mezzo ai grillie alle cicale,
Son scappato via ma ti ritrovo qua! 
 
Sbagli, t'inganni, ti sbagli soldato
Io non ti guardavo con malignità,
Era solamente uno sguardo stupito,
Cosa ci facevi l'altro ieri là?
T'aspettavo qui per oggi a Samarcanda
Eri lontanissimo due giorni fa,
Ho temuto che per ascoltar la banda
Non facessi in tempo ad arrivare qua 
 
Non è poi così lontana Samarcanda,
Corri cavallo, corri di là
Ho cantato insieme a te tutta la notte
Corri come il vento che ci arriverà
Oh oh cavallo, oh, oh cavallo, oh oh cavallo, oh oh cavallo oh oh
 
 
 
 
 

 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A Furore

Inabissata nel grembo di una gola marina

Gemma preziosa di quella costa divina

Assaporo l'inquietudine del mare

Confondermi le carni alla pietra viva

Sulle onde corrugate dal vento

Nel furore di quel fiordo incandescente

Si schianta a strapiombo il mio spirito irruente 

Selvaggio come il mare che sferza la riva

Impetuoso come il vento che scaglia la corrente

Il respiro del mare che infuria nella mente

Mi soggioga a quel miracolo vivente

Fino a risucchiare il mio spirito ribelle. 

 

Caterina Alagna

 

Il fiordo di Furore é una meravigliosa insenatura della costiera amalfitana. E' situato nel borgo di Furore, un piccolo comune di 747 abitanti.

 



 


Oltre la nebbia

  Nei nostri sguardi risuonava l’incanto   mentre sui nostri volti impietriti tremante si stagliava il turbamento velato da una maschera in ...