Mi unisco alla  proposta che ho letto sul blog di Mariella di cui riporto le parole:

"Sonia Campagnolo è una signora di Padova che ha combattuto quel maledetto bastardo di un cancro e ha perso. Tumore al pancreas. Sonia sa che deve morire e la sua unica preoccupazione  è quella di lasciare sola e senza sostegno economico la figlia Lisa, che studia giurisprudenza nella sua città.  Cosa fare per occuparsi di lei anche quando non ci sarà più? Decide di mettere sull' epigrafe l'IBAN del suo conto corrente in modo tale che chiunque possa aiutare la sua ragazza.  Sonia è morta lunedì e la sua storia, che ho appreso dai giornali,  mi ha fatto venire i brividi. Un amore immenso che supera perfino la morte. Una madre che vuole assicurare alla figlia un destino diverso dal suo, un'indipendenza economica e un'autonomia professionale che la tenga al riparo da ogni imprevisto della vita."

Per chi volesse contribuire per aiutare Lisa. 

 


L'IBAN È IL SEGUENTE:

 IT96E0103062470000001807112 -  causale: in memoria di Sonia



27 commenti:

  1. Ho letto questa notizia e mi è molto dispiaciuto, sia per la mamma, che per la figlia, che è rimasta sola. Facciamo tutti qualche cosa per questa ragazza. Buon week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, una staoria davvero straziante. Buon weekend anche a te

      Elimina
  2. Ciao Caterina. E' successo qualcosa di assurdo che non condivido e condanno.

    *“Io servo il Signore da 42 anni – ha spiegato il parroco renitente al Corriere del Veneto – ma un Iban sull’epigrafe non l’avevo mai visto. Negli ultimi 16 mesi ho fatto 102 funerali di cui 12 Covid, seguo 2.250 famiglie e ne assisto 39 di veramente povere. Compriamo loro da vestire, paghiamo l’affitto, copriamo le bollette. Questo è il paese, poi vedo un Iban su un’epigrafe e mi chiedo: cos’è successo? Quella famiglia è diventata improvvisamente povera? No, non lo è. Ho fatto visita a Sonia due settimane fa, suo padre Piero frequenta la parrocchia, lui stesso è membro del gruppo della Caritas e sa perfettamente cosa vuole dire averne e non averne”.

    continua su: https://www.fanpage.it/attualita/iban-sulla-tomba-per-aiutare-la-figlia-parroco-non-celebra-il-funerale-questa-famiglia-non-e-povera/
    https://www.fanpage.it/*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Iban non l'avevo visto nemmeno io, però ho visto funerali dove venivano organizzate collette, raccolte di soldi per la ricerca contro il cancro, etc..
      Non conosciamo tutte le dinamiche di questa famiglia, quindi non voglio nemmeno giudicare.Mi sono unita alla proposta, perchè il dolore di questa donna mi ha colpito. Buona serata, Gus.

      Elimina
    2. Hai fatto bene. Quel prete che non voleva celebrare il funerale è fuori di testa.

      Elimina
    3. Si, ho letto del prete che non voleva celebrare la messa. Non ti nascondo che la cosa mi ha lasciata un po’ interdetta. Non condivido la decisione di questo prete, sinceramente.

      Elimina
  3. Grazie di cuore per avere partecipato. Non c'è altro da aggiungere, se si può contribuire anche solo facendo girare l'iniziativa è un gran bel gesto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Mariella. E'vero, di fronte a queste grandi sofferenze, ogni parola è superflua.

      Elimina
  4. Bravissima Caterina!
    Spero davvero che si comprenda il dolore e la sofferenza che sicuramente è dietro a tutto ciò. Abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo Pia,sono storie di immenso dolore. Un abbraccio forte anche a te.

      Elimina
  5. Ho partecipato di cuore. Certe notizie fanno male, e come scrive anche Daniele Verzetti da lui, comunque qualcosa bisogna iniziare a farla.

    RispondiElimina
  6. apparentemente una buona causa. buon giorno

    RispondiElimina
  7. grazie Caterina per avere condiviso questa storia che non conoscevo e ce mi ha molto commossa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha molto commosso anche a me. Davvero una grande sofferenza. Buona serata.

      Elimina
  8. Grazie di cuore per aver partecipato a questa iniziativa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il dolore di questa donna mi ha commossa...ciao Daniele

      Elimina
  9. Avevo letto la storia... Un atto molto commuovente...

    RispondiElimina
  10. Ciao, ho citato il tuo post qui:
    https://wwwwelcometonocturnia.blogspot.com/2021/06/seconde-visioni-2-altri-link-da.html

    RispondiElimina
  11. Ho letto molto in giro su questa storia, non giudico e non condanno, mi sono chiesta se come madre trovandomi nella stessa situazione della signora avrei fatto la stessa cosa e non ho saputo darmi una risposta. Bisogna ricordarsi che l'amore di una madre non finisce mai, neppure la morte può mettervi fine e qui ho visto solo amore.
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d’accordo con te. L’amore di una madre è infinito e la storia di questa signora stringe il cuore. Buona giornata.

      Elimina
    2. Sono d’accordo con te. L’amore di una madre è infinito e la storia di questa signora stringe il cuore. Buona giornata.

      Elimina

Luna

Una brezza eterea carezzava la terra come piuma leggera.  La sua luce argentea cullava i pensieri stanchi della sera, bagnando di un bianco ...