Luna Nuova



Sotto la lucerna della luna

si perdono vite rubate,

delicati fiori di donne 

s'appassiscono sugli orli

delle strade, 

su turgide lastre d'asfalto

nell'attesa di squallidi fanali,

famelici di effimere carezze 

carnali.


Dopo il furente piacere 

di un momento, una fiera 

affamata reclama il suo pasto: 

la solitudine  divora anche 

gli ultimi scorci dell'anima 

e un viso vuoto, pieno di 

solitario pianto, trova il 

coraggio di consegnarsi

a una luna nuova.


Caterina Alagna


98 commenti:

  1. Una poesia amara ma vera !!Quante donne ai margini delle strade, sole , impaurite , in attesa di qualcuno che, subito dopo se ne andrà, lasciandole più vuote e più sole di prima. Saluti cari, una poesia bella e vera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mirtillo del tuo commento e dei complimenti. Purtroppo questo è un problema che non avrà mai fine. Cari saluti anche a te.

      Elimina
  2. Lirica amarissima con un finale che sembrerebbe voler lasciare uno spiraglio aperto ad una tenue speranza. Donne e sempre più spesso, bambini e ragazzine minorenni sfruttate e costrette a prostituirsi, traffico di esseri umani, sono drammi di cui si parla troppo poco e, per quanto concerne la lotta a tale orrore sul campo, si ottengono ancora scadenti risultati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I risultati sono molto scadenti e temo che lo saranno a lungo. Purtroppo la domanda è tanta, il menefreghismo regna sovrano.

      Elimina
  3. La prostituzione è un fenomeno con tantissime implicazioni, e lo scelta dello stato italiano di "tenersi fuori" senza né proibire né regolamentare ha determinato l'inevitabile conseguenza: tutto è finito nella mani della criminalità organizzata, che contrabbanda donne considerandole una "merce".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto, molto meglio regolamentare, se non altro sarebbe una scelta volontaria per le donne che vogliono fare questo mestiere, come succede già in alcuni paesi.

      Elimina
  4. Caterina, sono in molti che pressano le Istituzioni per trasformate le prostitute in *lavoratrici del sesso*.
    Non c'è niente da regolamentare, bisogna solo proibire.
    La tua bellissima poesia è un urlo di disperazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei complimenti, Gus. Io credo che proibire non serva a niente, anzi peggiora solo la situazione, e poi è il mestiere più antico del mondo, non basta proibirlo per eliminarlo, si farebbe comunque clandestinamente. Io sarei più favorevole per regolamentare, almeno per fare in modo che venga fatto solo dalle donne che decidono di farlo. La domanda è tanta, ci sono anche donne che lo fanno per scelta, potrebbero almeno farlo pagando i contributi. Ovviamente non è una scelta che condivido, ma non credo cambierà mai il mondo in tal senso.

      Elimina
  5. una triste verità che mortifica ancora tante donne... e tu sei una persona splendida induci con ogni tua poesia alla riflessione. Un abbraccio e grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante donne soffrono, tantissime situazioni tristi dietro i loro volti malinconici. Grazie dei complimenti, Lea.

      Elimina
  6. Amara, forse perché fin troppo vera.
    Come tu faccia a delineare con tale dolcezza anche simili angustie, io proprio non lo so. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei complimenti, sono davvero lusingata dalle tue parole.

      Elimina
  7. É uma tortura ver mulheres à beira da estrada a prostituir-se. Mas também é verdade que essas mesmas mulheres, pelo que ganham diariamente, não querem de lá sair.
    Gostei de ler
    .
    Cumprimentos … uma semana Feliz.
    .
    Pensamentos e Devaneios Poéticos
    .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C’è anche questa realtà, donne che non vogliono lasciare. Le storie sono tante, in gran parte tutte di estrema sofferenza. Non si può giudicare la loro scelta. Grazie di aver apprezzato, buona settimana anche a te.

      Elimina
  8. Uma chaga da sociedade tão bem colocada neste poema. A poesia também pode ser uma forma de denúncia.
    Um abraço.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È esattamente come dici. Grazie del tuo commento! Un abbraccio anche a te.

      Elimina
  9. Sempre belle parole usate questa volta per parlare di un argomento molto triste e di cui tanti uomini dovrebbero vergognarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei complimenti. Purtroppo questo mestiere non morirà mai perché la domanda è enorme.

      Elimina
  10. Una poesia bella e amara, quante donne indossano maschere dietro cui si consumano sofferenze indicibili… e tutti stanno a guardare. Ciao Caterina, complimenti.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tutti stanno a guardare pensando solo a loro stessi. Questo è il male del mondo e pare non ci sia rimedio. Grazie dei complimenti, Sinforosa. Cari saluti.

      Elimina
  11. Hai tradotto in poesia una realtà molto brutta, di uomini senza valori e dignità e di donne sfortunate costrette a vivere un inferno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un vero inferno. Purtroppo tanti uomini se ne fregano, pensano solo a soddisfare i loro bisogni. La domanda è enorme per cui è un business che non avrà mai fine.

      Elimina
  12. Bello il tuo poetare, sono convinto che tutti noi abbiamo una fiera, una belva feroce che vorrebbe vincere la nostra serenità. La forza della vita è sempre vincente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di aver gradito la mia poesia. Le fiere, purtroppo, sono sempre in agguato.

      Elimina
  13. C'è un velo di tristezza che racconta una storia di storie di donne dove l'amore è senza il sentimento. Chissà quante di loro hanno provato un momento bello solo nel guardare la luna, ma poituuto svanisce con l'arrivo del primo uomo che non è degno di essere chiamato così. Bellissima un abbraccio Valeria un truciolo

    RispondiElimina
  14. Bellissima, chissà quante di quelle donne avranno guardato la luna prima di salire su una macchina di un uomo che tale non più essere considerato. C'è tristezza nei tuoi versi ma veri. Baci Valeria un truciolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà quante donne avranno desiderato di trovarsi sulla luna piuttosto che in quell’inferno. È una cosa orribile già al solo pensiero. Grazie dei complimenti alla mia poesia. Un caro saluto,Valeria.

      Elimina
  15. ... e noi, sotto la stessa luna ...
    ... guardiamo indifferenti all'altrui sfortuna...
    ... quelle esistenze ai margini pietose...
    ... muoversi nel buio, silenziose ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimi questi versi intensi e veri. Il menefreghismo regna sovrano.

      Elimina
  16. Versi che descrivono una triste e tragica verità che colpisce prevalentemente le donne.
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si per gli uomini credo si tratti quasi sempre di una scelta premeditata. Inoltre sono pochi gli uomini che si prostituiscono perché non c’è molta richiesta. Un abbraccio anche a te, Enrico.

      Elimina
  17. Nel mezzo dell'oscurità occorre trovare la forza di ribellarsi e combattere per uno spiraglio di luce che tutti gli essere umani meritano.
    Una poesia profonda e veritiera. Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, tutti meritano quello spiraglio di luce. Grazie di aver apprezzato la mia poesia, Simo!

      Elimina
  18. Sono versi che fanno tanto riflettere, tante donne subiscono violenze e si trovano nella rete di tanti sfruttatori.
    Sereno giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è un fenomeno orribile. Regolamentare sarebbe già una soluzione, ma vederlo in Italia credo sia quasi impossibile.

      Elimina
  19. Caterina, tu fai sempre centro. Dolcezza e potenza non sono ossimori qui, nonostante l'argomento.
    Il più antico mestiere del mondo è un crimine e le donne sono ancora (nella stragrande maggioranza dei casi) nel bisogno, o costrette, ad esercitarlo.
    Fa troppo comodo pensare che il mestiere sia una scelta e il guadagno alto... in realtà sono i maschi a guadagnare tanto sul corpo femminile che vendono.
    Ciao Caterina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente Sari. Il corpo della donna è un business su cui guadagnano gli uomini e nella maggior parte dei casi le donne son costrette a farlo. Grazie delle belle parole che sempre riservi a me e alla mia poesia. Ciao, cara.

      Elimina
  20. Sai Caterina cosa penso, al immagine di quella luna, chissà quante ragazze prima che arrivasse una macchina l'hanno guardata e sperato o sognato. Magari alcune sono pure minorenni, altre madri, quanto gli costa quel gesto che dura un ora che le fa sentire schiave del loro corpo. Bellissime le tue parole, come vorrei aprire un centro per ospitare tante di queste donne, magari con i loro figli e dagli una possibilità di lavoro serio, che li possa mantenere. Una persona che conosco che si era fatta suora, a calato le vesti, ha acquistato un grande cascinale e ospita molte di queste donne e gli trova un lavoro occupandosi dei loro figli quando non ci sono. io porto sempre i vestiti che non vanno più di Miki, per quello la conosco. Bellissimi versi su un tema che tocca il cuore di ogni donna Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante donne guardano la luna sperando di rifugiarsi lì, lontane da questo mondo. Complimenti a questa persona di cui hai parlato, si è assunta un grande impegno che le fa onore. Grazie dei complimenti, Valeria. Sono davvero lusingata.

      Elimina
  21. Purtroppo questa è una delle troppe piaghe delle nostre società e tu Caterina , con la tua poesia ne hai espresso benissimo con la tua bellissima poesia , tutta la solitudine e l'amarezza .

    Un abbraccio augurandoti buona giornata

    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy di aver gradito la mia poesia e di averle dedicato queste belle parole. Ricambio l’abbraccio. Buona giornata anche a te.

      Elimina
  22. Un modo romantico e delicato di dipingere un fenomeno talvolta brutale e opprimente, mi ricordi Verlaine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo gentile, mi fai davvero emozionare. Grazie di queste belle parole.

      Elimina
  23. Sempre bello leggerti Caterina...delicata e sensibile anche quanto tratti argomenti difficili, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Cristina di apprezzare le mie poesie e di esprimere per esse sempre belle parole.

      Elimina
  24. La luna è da sempre un elemento poetico che mi piace molto. Anche a te ha ispirato una poesia molto bella e anche molto triste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, la luna da sempre ispira poeti e cantautori. Si potrebbe dire che è una vera musa ispiratrice. Grazie di aver apprezzato la mia poesia.

      Elimina
  25. Quante povere donne e bambine sono costrette a stare immobili, come agnelli sacrificali, sotto il chiarore della luna in attesa dell'ennesimo lupo famelico.
    E chi potrebbe fare qualcosa, guarda sempre dall'altra parte.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, tutto si consuma nell’ indifferenza totale.

      Elimina
  26. Dolcissimo il pensiero di consegnarsi alla luna nuova
    Un carissimo saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del tuo commento. Un carissimo saluto anche a te.

      Elimina
  27. Una piaga e un business, certo. Versi forti i tuoi, Caterina, che ho molto apprezzato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Felice di aver apprezzato la mia poesia!!

      Elimina
  28. I don't know if I understood your poem correctly. But I think you talk about prostitution.
    I really liked your poem, it's excellent. BRAVO.
    And I liked some parts that are beautiful poetic images. For example:
    "la solitudine divora anche
    gli ultimi scorci dell'anima".
    Have a nice day, my dear friend Caterina.
    Kisses.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. You understood. I talk about prostitution. I thank you, my dear friend Jaime, for the beautiful words!! Have a nice day!!

      Elimina
  29. Versi forti che purtroppo riflettono una realtà cruda e dolorosa...
    Versi che ho apprezzato...
    Ros

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ros, di aver apprezzato i miei versi.

      Elimina
  30. Donne calpestate con il coraggio di guardare ancora alla luna.
    Brava Caterina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si possono chiamare donne Coraggio. Grazie Ester.

      Elimina
  31. Una poesia molto forte e significativa. Complimenti, molto bella. Ciao, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Stefania per aver apprezzato la mia poesia.

      Elimina
  32. No meu tempo de menino
    Havia muito respeito
    E vez, com primo direito
    Feito a um anjo divino
    E nós por princípio ou tino
    Reverenciávamos mulher
    Não como um ser qualquer,
    Porém um ser de amor
    Feito de luz e esplendor
    Ao que a amar é mister.

    Parabéns pelo teu lindo poema, prezada! Abraço fraterno e cordial. Laerte
    Mas

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille degli apprezzamenti. Complimenti anche a te per la bellezza dei tuoi versi.

      Elimina
  33. Tanta sensibilità e poesia nei tuoi versi per un problema così grave!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, questa poesIa è un po’ un ossimoro. Grazie del commento.

      Elimina
  34. Pensa che si sono tradizioni (per esempio in Calabria) dove si racconta che il lupo mannaro si trasforma non durante il plenilunio, ma durante il novilunio. Strano, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Non lo sapevo, approfondirò questa cosa perché m’incuriosisce.

      Elimina
  35. Sibilla Aleramo di cui parlo da me oggi, diceva "bisogna riformare la coscienza dell'uomo e creare quella della donna". Ecco, Sarebbe già un ottimo passo avanti. Sempre belle e delicate le tue parole che arrivano al centro del cuore.
    Brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie delle belle parole che sempre mi riservi, cara Mariella. Condivido le parole di Sibilla Aleramo. Almeno quelle donne combattevano per i loro e i nostri diritti. Stiamo tornando terribilmente indietro ma vedo che nessuno si muove di una virgola, tutto prosegue tranquillamente mentre perdiamo i diritti .

      Elimina
  36. Chissà di che genere sarà questa luna nuova.
    Il finale affascina e crea nel lettore domande.
    Spero che sia migliore della luna precedente.
    Bellissime e significative parole Caterina e ti ringrazio. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il finale è aperto a molte interpretazioni, lo immagina il lettore. Magari c'è una speranza di cambiamento, o forse tutto resta così com’è , dove persiste il coraggio di affrontare quella vita sempre uguale sotto il ciclo delle fasi lunari. Grazie delle belle parole, cara Pia. Ciao.

      Elimina
  37. Il nostro sensuale e suggestivo satellite!

    RispondiElimina
  38. Gostei de reler o teu magnífico poema.
    Boa semana, amiga Caterina.
    Um abraço.

    RispondiElimina
  39. Questa volta la luna ha illuminato una scena deplorevole. Ciao Caterina e complimenti per il tuo estro.

    RispondiElimina
  40. Sempre emozionante leggerti...

    RispondiElimina
  41. Quanta verità nei tuoi versi
    È stupenda questa tua poesia!!
    Uno scorcio di una triste realtà che alcune donne vivono...
    Sei bravissima!
    Ciao Caterina ,serena giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marinetta di essere passata. Le tue parole mi emozionano, davvero molto gradite. Buona serata.

      Elimina
  42. Ho fatto fatica ad entrare in sintonia con la tua lirica. Forse perché mi sento ovviamente responsabile in quanto maschio, appartenente a quella categoria che permette l'espandersi di una pratica abominevole come quella del sesso a pagamento. Io non trovo esatto neanche parlare di "furenti piaceri" o "effimere carezze". Io non trovo ci sia nulla di neanche lontanamente accostabile ad un rapporto d'amore. Io mi vergogno profondamente di appartenere ad una classe umana che necessita di tali attività per soddisfare bisogni esclusivamente fisici. Vorrei che si impedisse a chi è costretta (la maggior parte) e anche a chi vuole praticarlo per sua volontà o piacere. O meglio non in strada e in pubblico. Lo so, sono integralista ma mi vergogno davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, capisco perfettamente Franco. Le espressioni quali “furente piacere” o “effimere carezze” volevo essere in realtà degli eufemismi per descrivere qualcosa che in realtà è orribile e squallido. . Anche io vorrei che non esistesse, nemmeno per coloro che decidono di farlo, mal dal momento che questa è solo un’utopia, sarebbe molto meglio regolarizzarla.

      Elimina
  43. Fantástica poesia, muito triste e forte, retrata momentos dolorosos e que infelizmente acontecem. Beijos ;) https://botecodasletras2.blogspot.com/

    RispondiElimina
  44. Ho visto una bella luna piena in cielo un paio di sere fa 🙂... Non so se ieri sera c'era pure, in genere dura un po' di serate... il novilunio invece è indecifrabile poiché non vediamo nulla... Questa tua poesia mi ha ricordato Dante, sei andata a ripescare la mitologica fiera del Poeta😃... Ma anche il "divorare" è presente nella Commedia...

    RispondiElimina
  45. Due di queste sventurare sono state uccise pochi giorni fa dalle mie parti.

    RispondiElimina
  46. Continuação de boa semana e bom feriado, amiga Caterina.
    Um beijo.

    RispondiElimina
  47. Quante anime inermi sono destinate al tormento dalla sete di denaro e dalla famelicità degli sfruttatori di corpi.
    La tua poesia rende alla perfezione questa orribile tragedia. Bravissima.

    RispondiElimina
  48. Ciao, anche se in versi ,hai trattato un argomento triste e reale.
    Purtroppo questa" luna nuova" s'accenderà ogni sera.
    Buon pomeriggio
    Rakel

    RispondiElimina
  49. Que bom encontrá-la nos caminhos da poesia.
    É uma arte que também aprecio e vou praticando.
    Convido-a a aceder a:

    FLAMA

    Abraço de amizade.
    Juvenal Nunes

    RispondiElimina
  50. Boa semana, querida amiga Caterina.
    Um beijo.

    RispondiElimina
  51. Una poesia quasi viscerale... tocca dentro, fa vibrare, emoziona e fa riflettere.

    RispondiElimina
  52. Bello il tuo scrivere della luna e tra poco sarà la luna nera diluvi giugno quando si intrecciavano anelli con margherite e ci si univa in un vincolo d'amore impossibile gli etruschi rimandano questa tradizione diamanti 5 la notte si univano tramite L'intreccio di un fiore

    RispondiElimina

Ortensia Selvatica

Complice il caldo torrido di questi giorni non riesco a pubblicare post più approfonditi del mondo poetico che tanto piacciono a questo blog...