Cuore di periferia


 

Un pianto lieve 

felpato come la neve

serpeggia dietro una nube di poesia,

falsa parvenza di allegria,

solitario s'effonde nella vasta radura

dei sogni negati alla vita.

 

Nelle vecchie borgate di periferia

un cuore tristemente s'arrende,

è un riccio raggomitolato in se stesso,

un tenero arbusto sbilenco

che non trova più l'animo

di inoltrarsi negli anfratti  del tempo.


Il futuro ha smarrito il suo smalto,

si è consegnato a uno scialbo presente

ricolmo di tacite lacrime e parole spente, 

di mani scabre e tasche vuote,

nell'anima solo l'amore.


Amore intenso, incessante, eterno 

per gli occhi dei figli innocenti

che patiscono la fame 

e la penuria degli inverni.

Occhi che trovano rifugio 

tra le braccia straziate dei loro cari

sottomessi e ammaccati

dal lavoro estenuante e precario,

dal mondo che è sempre più avaro,

da un sogno terribilmente mancato.


Povera vita che annaspi nell'acredine 

dei borghi di periferia,

tra sterili passi e pensieri pesti,

ti nutri di polveri e foglie sparse,

di accumuli di case e giorni riarsi.

La gioventù donò i suoi anni alle miserie,

alla povertà e alle macerie.

E il fuoco resiliente

che un tempo sguainava la sua lingua ardente,  

si incenerisce, inzuppato dalle stille

di quel pianto lieve

mentre felpata scende la neve.

 

Caterina Alagna

 

85 commenti:

  1. C'è da rimanere incantati dalla bellezza di questa poesia.
    Meriti tanta felicità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo gentile, Gus. Grazie di queste belle parole.

      Elimina
  2. Che meraviglia. L'ho letta due volte perché una sola proprio non bastava. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi rallegra leggere queste emozionanti parole. Grazie di cuore.

      Elimina
  3. Toccante la tua pesia che colpisce interrogando. Mi ha fatto pensare alla strage silenziosa di giovani braccianti stranieri in terra di Puglia; soli, senza appigli. O ai senza speranza. Abituati a esplorare il mondo attraverso il web, non sappiamo o non riusciamo udire i pianti di quelli che possiamo considerare vicini e verso i quali anch'io mi sento impotente.
    Non m'intendo di poesia ma mi pare di avvetire una cadenza nuova in questi tuoi versi.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, è una poesia che abbraccia la sofferenza e la solitudine, dove per periferia non si intende solo la zona decentrata e povera delle città, ma anche i dimenticatoi in cui finiscono migliaia di persone emarginate dal mondo, come i migranti o i giovani precari.

      Si, questa poesia ha una cadenza diversa dalle altre che ho scritto, hai visto bene. Grazie cara, un abbraccio grande!!

      Elimina
  4. Caterina, complimenti questa poesia è meravigliosa.

    RispondiElimina
  5. complimenti per la poesia, bellissima. Ciao

    RispondiElimina
  6. Bellissima ! Mi hai commosso perchè sono versi che parlano di sofferenza, miseria, sogni infranti... quanti dimenticati vivono così !! Complimenti !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore. Si, tante, troppe persone sono completamente dimenticate. È un’ingiustizia. Buona serata, cara.

      Elimina
  7. Quanto riguardo verso la debolezza, quanta sensibilità verso la bellezza che comunque avvolge miseria e disperazione, una "neve felpata" ad attutire dolore e "sogni mancati". Metti in luce un contrasto che stride, con una aggraziata "nube di poesia".
    Grazie Caterina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo contrasto tra bellezza e sofferenza è sempre più marcato. Eppure la sofferenza di sopporta anche grazie a quel poco di bellezza che illumina la vita. Grazie a te, Franco del tuo commento.

      Elimina
  8. La forbice tra l'elite e la massa sempre più impoverita e priva di prospettive è qualcosa che mi spaventa perché la immaginavo una cosa degli Stati Uniti, invece sta diventando "normale" anche qui da noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È verissimo, ormai il ceto medio è in via d’estinzione, ma quel che è peggio è che ad aumentare sono i poveri, quindi almeno qui in Italia stiamo avendo un profondo regresso.

      Elimina
    2. Davvero molto bella. Mente la leggevo pensavo come oggi quasi l'intera superficie del nostro pianeta sia una gigantescq, globale e malata periferia.

      Elimina
    3. Grazie di cuore, Daniele. Hai dato una descrizione precisa di questo triste mondo.

      Elimina
  9. Poesia bellissima e dolorosa, perfetto quadro del nostro presente.

    RispondiElimina
  10. ....uno sguardo attento verso persone disagiate, nei confronti della vita. Grande sensibilità dell'autrice, nell'affrontare un tema attuale, e molto delicato.
    Versi intensi, e di bella lettura, molto apprezzati.
    Buon fine settimana e un sorriso, Caterina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di queste belle parole che apprezzo davvero tanto. Mi fa piacere che tu abbia apprezzato i miei versi. Buon fine settimana anche a te, Silvia.

      Elimina
  11. Versi meravigliosi, i miei sinceri complimenti.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cavaliere, sono davvero lusingata. Sereno giorno anche a te.

      Elimina
  12. anche io l'ho letta due volte è molto bella brava. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, mi fai emozionare.Un abbraccio anche a te, Valeria.

      Elimina
  13. Una lirica profonda e intensa. Bella e dolorosa ma nel contempo ricca di un amore immenso. Caterina in questo tuo silenzio di dolore straziante risplende un velo intriso di una forze ineguagliabile che solo un animo umile e puro può captare. I miei omaggi e un grande abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona, le tue sono parole di un animo sensibile e profondo che osserva il mondo col cuore. Grazie davvero di questo bel commento. Un grande abbraccio anche a te.

      Elimina
  14. anch'io, come altri che mi hanno preceduto, ho notato il tono triste di questi versi...
    Soprattutto mi ha colpito il passaggio sul "fuoco resiliente", credo aiuti a identificare questa poesia come un qualcosa di attuale, di resilienza infatti sento parlare spesso sul web... E cerco di immaginarmi che aspetto possa avere, un fuoco resiliente...🔥👍😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella poesia la resilienza pian piano si spegne. Tanta gente disperata e abbandonata nel mondo, anche se vive nel corpo, non vive nell'anima. Si sopravvive ma non si vive. Credo che questo sentimento accumuni molti uomini in questo mondo sempre più gelido.

      Elimina
  15. Hai saputo descrivere, con la delicatezza che contraddistingue sempre i tuoi versi, l'amaro calice della vita quotidiana di chi ha poco e si sente perduto.
    Abbandonato dalla società che dovrebbe invece occuparsi di lui. Solo e disilluso.
    Speriamo che si possa invertire la rotta.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, Mariella. Sempre appropriate le tue parole. Purtroppo coloro che dovrebbero ricevere aiuto vengono emarginati e rifiutati dal mondo. Speriamo che ci sarà un giorno un cambiamento. Un abbraccio.

      Elimina
  16. Opera stupenda. Un pensiero per le povere persone sfruttate, ammassate contro muri che sorgono ovunque, alle immense baraccopoli che la candida neve non riesce a celare.
    Buon weekend, un abbraccio.
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Enrico. Le tue parole mi emozionano. Si, siamo immersi da queste storie dolorose, potesse bastare una poesia... ma purtroppo non è così. Buon weekend anche a te e un abbraccio.

      Elimina
  17. Ciao Caterina, cupa e tristemente reale questa tua (meravigliosa) poesia, le enormi sofferenze di chi non riesce a “condividere” nemmeno il dolore, dove la solitudine sembra l’unica legge vigente.
    La neve copre, leggera e candida, le fatiche di chi non ha voce, copre silenziosamente ciò che già non ha voce, non ha suono, ma il candore della neve rispecchia il “colore” della coscienza di chi la calpesta? La coltre bianca da l’impressione che il dolore scompaia ma si limita a nasconderlo finché arriverà il disgelo a metterci di fronte alle nostre responsabilità, o perlomeno a chi sarà in grado di affrontare sé stesso.
    Bellissima, buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatta lettura, Romualdo. Grazie di cuore dei complimenti. Li apprezzo tanto.

      Elimina
  18. Bei versi, anche se realisticamente tristi... o tristemente reali. Sembra raccontino la vita in una città sotto l'assedio di una guerra, che poi non è troppo dissimile, per atmosfera, da alcune periferie dei giorni nostri, urbanisticamente isolate da quartieri più "in", che non fanno altro che accentuare le disparità sociali anziché mitigarle. E chi vive in quelle periferie non può restare immune dal "contagio" di quell'atmosfera fatta di precarietà, freddo, ma anche puri sentimenti sebbene forse feriti, come traspare da alcuni versi.
    Mi piace in particolare:
    un cuore tristemente s'arrende,
    è un riccio raggomitolato in se stesso

    Mi sa di rinuncia ad amare, per non soffrire ancora.

    Bravissima.

    RispondiElimina
  19. Grazie di cuore , Gas. Diciamo che sono versi tristemente reali, versi che in un mondo giusto non troverebbero spazio. Purtroppo il mondo giusto non è.

    RispondiElimina
  20. Um retrato poético da difícil vida nos subúrbios.
    O teu poema é excelente, e tem imagens poéticas de grande inspiração e talento.
    Os meus aplausos.
    Bom domingo e boa semana, amiga Caterina.
    Beijo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di queste bellissime parole, Jaime. Buona settimana anche a te.

      Elimina
  21. Versi stupendi cara Caterina, da "leggere" tra le righe... Ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, cara. Sono lusingata. Ricambio l’abbraccio.

      Elimina
  22. Una lirica molto bella che affronta il serio problema delle nostre periferie, mi fa ricordare il film con Paola Ccrtellesi e Raul Bova (Scusate se esisto)dove si parla del "chilometro verde",la periferia di Roma, come in tante altre periferie. Complimenti cara Caterina, un bacione e buon anno sereno, ciao Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Angelo delle emozioni che la poesia ti ha suscitato. È una poesia che vuol mettere in mostra il dolore di ogni periferia.

      Elimina
  23. Una poesia strepitosa. Ho letto e riletto totalmente affascinato. Lascio la mia lode poetica
    .
    Una felice settimana… Auguri poetici
    .
    Pensieri poetici e sogni ad occhi aperti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Rycardo. Lusingata dalle tue bellissime parole. Buona settimana anche a te.

      Elimina
  24. Una poetessa dal cuore grande e originale fantasia. Uno stile che si fa molto apprezzare e denota la profonda sensibilità dell'autrice. Complimenti di cuore Caterina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei carissima, Vivì. Ti ringrazio per le parole gentili che sempre mi riservi. Grazie di cuore, davvero.

      Elimina
  25. Versi bellissimi, complimenti Caterina, sei molto brava, un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina, sono onorata. Un abbraccio grande.

      Elimina
  26. Davvero versi intensi che affrontano un delicato problema comune alle nostre periferie...
    Ros

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della tua visita e delle tue parole, Ros.

      Elimina
  27. Una bellissima ed intensa poesia che tocca un tristissimo problema sociale. La frase " il futuro ha perso il suo smalto " purtroppo è valida per tutto il mondo a causa della situazione distopica che stiamo vivendo. Complimenti vivissimi per il tuo poetare.
    Grazie per la visita e buona serata! 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio vivamente per i complimenti, li apprezzo tanto. Benvenuta nel mio spazio.Buona giornata.

      Elimina
  28. ... proprio una bella poesia! Verrò a trovarti più spesso. Ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marco della tua visita, benvenuto nel mio spazio. Buon pomeriggio.

      Elimina
  29. Passei para ver as novidades.
    Mas gostei de reler o seu excelente poema.
    Continuação de boa semana, querida amiga Caterina.
    Beijo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio nuovamente, Jaime. Tu mi onori con i tuoi complimenti. Buona giornata.

      Elimina
  30. Ascolta "Periferia" di Renato Zero e poi dimmi cosa ne pensi.
    Secondo me la tua poesia e la sua canzone hanno molti tratti in comune.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’ho ascoltata, è una canzone meravigliosa. Renato Zero è un grande. Ricambio l’abbraccio.

      Elimina
  31. Have a nice sunday, my dear friend Caterina.
    And a great week.
    Kisses.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks my dear friend Jaime, have a nice Sunday and a wonderful week.

      Elimina
  32. È vero che a volte il futuro perde il proprio smalto e che spesso ci vuole un pizzico di fortuna perché la buona volontà non basta. Però io sono una inguaribile ottimista e penso che ci sia sempre un pochino di speranza. Bisogna sempre agire e non necessariamente chi lo fa deve essere colui che ne trarrà direttamente un utile: ciò significa che sarebbe bello impegnarsi tutti per ridare colore anche al futuro di chi non può fare molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai espresso un bel pensiero e sono d’accordo con te, soprattutto con l’idea che il futuro può migliorare solo con l’impegno di tutti. Buona domenica e grazie di essere passata.

      Elimina
  33. una poesia veramente bella, meriterebbe di vincere un concorso.
    Complimenti.
    Buon anno e a presto.
    Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo gentile, Franca. Le tue parole non possono che darmi tanta soddisfazione. Grazie di cuore. Un abbraccio grande.

      Elimina
  34. Caterina, con questi versi tristi e suggestivi mi hai lasciata senza fiato. Tu, cara ragazza, hai un dono meraviglioso che solo poche persone possiedono, riesci con le parole a dare vita alla meraviglia.
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu, Joanna, con le tue parole che denotano grande sensibilità d’animo mi hai fatto vibrare il cuore. Non so se merito tutti questi elogi ma son contenta se sono riuscita con i miei versi a trasmetterti un’emozione. Buona serata.

      Elimina
  35. Gostei de reler o teu excelente poema, mas vim à procura de mais...
    Continuação de boa semana, amiga Caterina.
    Beijo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jaime di aver riletto la mia poesia. Buona continuazione di settimana anche a te.

      Elimina
  36. Ciao è la prima volta che ti leggo.
    I tuoi versi parlano di uno spaccato di vita che molti ignorano o fanno finta d'ignorare.
    Forse ha ragione qualcuno che dice di non perdere la speranza, ma io mi chiedo : per quanti anni ancora dobbiamo attenderla?
    Versi da encomio.
    Buona serata
    Rakel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rakel, onorata dalle tue parole. Anche io mi chiedo quanto ancora dovremmo attendere e a volte sono molto sfiduciata perchè, sarà che sono pessimista, ma non credo che ci sarà mai un cambiamento. Benevenuta nel mio spazio, buona serata.

      Elimina
  37. Sarà che domani è la Giornata della Memoria, ma ci ho visto quella stessa sofferenza in certi passaggi... Scrivi molto bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Luz dei complimenti. Li apprezzo tanto, buona serata.

      Elimina
  38. un poema. senza mito.
    comunque suggestivamente interessante e personale.
    brava, continua così.
    ciao

    RispondiElimina
  39. Ti ringrazio di cuor per la gradita visita Carina. sei gentile un abbraccio a presto.
    Maurizio

    RispondiElimina
  40. Ho avuto la sensazione di entrare dentro la tua poesia e di camminare tra i versi per conoscere il mondo che hai descritto.
    Bellissima.

    RispondiElimina
  41. Ho avuto la sensazione di entrare dentro la tua poesia e di camminare tra i versi per conoscere il mondo che hai descritto.
    Bellissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore dei complimenti, delle sensazioni che ti ha suscitato la mia poesia.

      Elimina
  42. Oggi passo un po' qua e un po' la da te e per l'ennesima volta ho riletto questo testo e al improvviso mi è venuto alla mente mio suocero. L'unico viaggio della sua vita in Russia, alla ricerca di notizie di suo padre disperso li durante la guerra e mai conosciuto perchè partì al settimo mese di gravidanza di sua madre. Il suo viaggio passo per l'eleganza di Mosca per poi finire nella periferia, nella povertà....dove avere una capra e due galline voleva far sopravvivere una famiglia, dove però se ti vedevano passare ti sorridevano tutti, vecchi e bambini. Case sparse a km di distanza l'una dal altra, poca acqua presa da pozzi di colore non limpido oppure distese di grano perchè la Russia dava i soldi per piantarlo ma spesso c'era chi li bruciava, Un viaggio particolare che oggi si parla della Russia per altri motivi, il suo era un viaggio di speranza, di trovare uno scritto, una croce, un nome su quella croce. Tornò a casa con il cuore distrutto, morì a 52 e la sua ultima parola fu papà.
    Questo è il ricordo che oggi mi è apparso in queste parole di dolore, il ricordo di un uomo che ho sempre amato. Il ricordo di una guerra in un paese che ancora oggi nasconde archivi sotto terra. Due anni fa dopo che mio marito ha continuato le ricerche da sotto quegli archivi c'è arrivata la medaglietta, trovata in una fossa comune dove con altri soldati erano stati sepolti vivi con la terra. Ora c'è una croce bianca, un nome ma noi con i casini della guerra in Russia magari non potremo mai portagli un fiore oppure andrà distrutto tutto nuovamente. Ciao grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami, mi era sfuggito questo commento. Leggo questa storia e mi è venuto da piangere, questa poesia l'ho scritta pensando proprio a persone che fanno mille sacrifici per migliorare la loro vita e nonostante ciò non sempre ci riescono. Quanto dolore avrà covato tuo suocero nel suo cuore, per un sistema disumano che ad alcuni dona tanto e al altri niente. MI spiace che ancora oggi il padre di tuo suocero non potrà ricevere una visita, speriamo che un giorno possa cambiare la situazione attuale e avrà almeno un fiore. Deve essere brutto anche per voi. Grazie a te di aver raccontato questa storia dolorosa non priva di amore.

      Elimina

"Sentimento", la strada per la libertà e la conoscenza.

"Sentimento" è un brano della " Piccola Orchestra Avion Travel" che si è aggiudicato la vittoria a Sanremo nel 2000. Ebb...