Tieni viva la memoria


 

La libertà insudiciata, stuprata,

circondata da un filo spinato,

con le mani imbrattate di sangue e di fango, 

con la pelle aderente alle ossa, 

osservava sorgere il sole oltre la fossa, 

anelando che un raggio di luce 

trapassasse quel buio atroce

in cui l’onda del male triturava

la carne umana.


Le tenebre regnavano sovrane

su quelle povere teste umane. 

Dalle squallide bocche dei carnefici 

esalavano fetide parole di zolfo e di cenere.

L’innocente pianto dei bambini, delle donne 

e degli uomini, 

polvere nel vento,

si spargeva nei campi coltivati,

si posava sui tetti delle case 

dove le persone vivevano ignare. 


Nudi, malati, marchiati e torturati

per la colpa di non essere ariani,

perché erano ebrei, rom o omosessuali. 

Cosi pensavano i loro aguzzini

artefici di quel male insulso

che nella più ostinata ignoranza  trova gusto, 

che sfocia le sue voglie disumane 

nella  ferocia più brutale. 

 

Quella ferocia che in alcune anime,

quiescente, sempre riposa,

come un vulcano addormentato

è pronta ad esplodere ancora.

Per questo bisogna tener viva la memoria, 

affinché mai più sfoderi i suoi artigli

quell'orrido avvoltoio di nome Odio.


Caterina Alagna



90 commenti:

  1. Intenso y profundo. Después de leerlo me puse a reflexionar.
    .
    Saludos poéticos.
    .
    Pensamientos poéticos y ensoñaciones
    .

    RispondiElimina
  2. Se è vero, come credo, che chi scrive poesia ama, sente e patisce di più, ecco che oggi tu riesci a scrivere quel che ho appena letto.
    Un caro saluto e grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto una grande verità, Sari.. chi scrive poesie ma anche chi scrive in genere sente e patisce di più. Grazie, un abbraccio grandissimo.

      Elimina
  3. L'importante è che le istituzioni tengano viva la memoria di questa tragedia e che puniscano chi la oltraggia. Troppi hanno offeso il ricordo della Shoah senza ricevere alcun tipo di sanzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ultimamente le istituzioni lasciano troppo passare certi oltraggi. Buona serata.

      Elimina
  4. La tua poesia contro la ferocia umana immotivata è attuale, forse immortale. L'uomo preferisce l'odio all'amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da sempre Gus, l’uomo preferisce l’odio all’amore. Magari bastasse una poesia contro la ferocia. La poesia svolge un ruolo importante ma non riesce a cambiare le cose.

      Elimina
  5. Io temo che anche tanto orrore non insegni, che la memoria non migliori l'uomo, che i cuori rimangano che fredda pietra. Saremmo dovuti essere migliori già da tempo, saremmo dovuti essere altri già mille sorrisi fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’uomo non impara mai purtroppo, anzi ti dirò di più, non vuole imparare.

      Elimina
  6. Certo, è così, la memoria va tenuta viva, affinché l'odio non sfodera più i suoi artigli , contro tante e tante persone innocenti, colpevoli solo di non appartenere alla razza ariana. Ci sono ancora persone cattive, pronte a sfoderare la loro ferocia, ogni tanto ne abbiamo qualche esempio, stiamo attenti ! Complimenti per le tue parole, forti ma vere. Saluti.Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’odio fa finta di dormire, in realtà è sempre desto, per questo dobbiamo stare in allerta, è vero. Grazie di cuore, buona serata.

      Elimina
  7. Sì. Ognuno di noi deve tenere viva la memoria. Ogni frase che scrivi corrisponde alla volontà di non dimenticare. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente ognuno deve fare la sua parte. Ciao, Inassia.

      Elimina
  8. Bisogna sempre tenere viva la memoria davanti alle atrocità.

    RispondiElimina
  9. Commovente e trite realtà in questa poesia dedicata a tutte le persone che hanno subito l'ingiustizia di essere diversi, per l'ignoranza di alcuni persone (se così si possono chiamare)nell'indifferenza di allora. Mai più dovrà accadere, anche se viviamo in un momento difficile e queste cose possono ritornare, per questo bisogna ricordarle ogni giorno e non solo nella giornata dedicata alla MEMORIA. Ciao cara Caterina e complimenti per il tuo capolavoro, un abbraccio Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto tutte parole giuste, Angelo . Per questo dobbiamo sempre stare attenti, perché l’odio continua a serpeggiare, dobbiamo evitare un ritorno di fiamma.

      Elimina
  10. Odio che putrida parola...
    Grazie per ciò che di grande hai scritto Caterina. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Pia delle tue parole. Buona serata.

      Elimina
  11. Sicuramente la memoria, il ricordo sono fondamentali per evitare il ripetersi di certi orrori. Eppure temo che gli esseri umani non imparino mai dai loro errori. Spero di sbagliarmi ma negli ultimi anni in diversi stati c'è stata una certa recrudescenza di gente che organizza riunioni con tendenza neonazziste. Spero che questa volta la memoria serva davvero come impedimento al riprendere la via sbagliata. Un saluto ed un abbraccio. Spero che tu stia bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non ti sbagli, come ho detto l’odio è sempre desto e pronto a divampare. Bisogna lavorare tanto affinché anche le nuove generazioni continuino a non dimenticare. Un abbraccio grande anche a te.

      Elimina
  12. Mamma mia che bella, da brividi.
    Posso chiedertela in prestito per il prossimo "sabato di poesia"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mi darai il permesso di pubblicarla, lo farò più avanti visto che l'hai appena fatto tu, grazie.

      Elimina
    2. Grazie di cuore, Mariella. Certo che puoi pubblicarla, per me è un onore. Ti mando un grande abbraccio.

      Elimina
    3. Grazie a te. Sono davvero felice che tu abbia accettato la proposta.
      Un abbraccio grande.

      Elimina
    4. Ricambio l’abbraccio, buona serata 🤗

      Elimina
  13. La tua poesia esalta la tua sensibilità d'animo. Un abbraccio e grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, Simo, gentilissima. Buona serata, un abbraccio.

      Elimina
  14. Eventi storici drammaticissimi, su cui soffermarsi con dolore, per non dimenticarne la vile crudeltà...
    Sempre bello leggerti, Caterina, buon fine settimana e un sorriso,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, Silvia di lasciare sempre un commento per me tanto gradito. Buona serata, ricambio il sorriso.

      Elimina
  15. STUPENDA! Mette i brividi perché ti fa letteralmente "vedere" ciò che succede a quelle povere persone vittime di esseri immondi.
    Brava Caterina.
    Buona giornata. un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Enrico. Sono onorata di ricevere questi bei complimenti. Buona serata.

      Elimina
  16. L'odio è ancora in troppe persone, tante nazioni conoscono ancora quel odio.
    E' una poesia molto bella la tua, brava. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, Valeria. È vero quel che dici l’odio è ancora troppe persone e sarà difficile estirparlo soprattutto qua è figlio dell’ignoranza. Un abbraccio grande anche a te.

      Elimina
  17. Ricordate per non dimenticare tali orrori per riconoscere i germi nuovi di tali aberrazioni nel nostro tempo

    RispondiElimina
  18. È meravigliosa, parole che regalano emozioni. Complimenti.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, complimenti davvero tanto apprezzati.

      Elimina
  19. Purtroppo l'essere umano è votato spontaneamente al male, fare del bene è un'eccezione che oggi fa addirittura notizia.
    Comunque teniamo viva la memoria, non solo un giorno all'anno, con articoli, versi nostri, documenti, testimonianze: è nostro dovere contrastare chi osa tentare di giustificare o negare quanto accaduto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È esatto, Gas. È una lavoro che va fatto ogni giorno. È davvero triste che oggi facciano notizia le notizie buone. Vuol dire che siamo decisamente peggiorati.

      Elimina
  20. mai dimenticare.
    Grazie per la poesia, bellissima e ricca di emozioni. Ciao

    RispondiElimina
  21. Grazie di cuore dei complimenti, li apprezzo tanto. Ciao.

    RispondiElimina
  22. Grazie Caterina delle tue parole che aprono mente e cuore.
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Ester, di esserti soffermata sui miei versi. Buona domenica.

      Elimina
  23. In queste righe hai saputo evocare tutto l'orrore ed il disprezzo per quel periodo nero e sudicio.
    Complimenti, veramente complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, cara. Sono davvero lusingata. Buona domenica.

      Elimina
  24. Sì, la memoria va tenuta sempre viva e in tutte le occasioni ... anche come in questi giorni quando c'è chi ne fa un utilizzo vergognoso per protestare contro norme ingiuste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io sopporto il paragone tra le vittime dell’olocausto e i no vax. È un utilizzo irrispettoso secondo me.

      Elimina
  25. Ciao Caterina, scrivo da te lo stesso commento che ho scritto su un altro blog perché è quello che sento dentro in questo momento.
    "Non dimenticare, tutto è stato atroce...
    Già, peccato che in Italia (ma anche all'estero) non si sia imparato niente: oggi si discrimina in nome di una pandemia che non esiste, con un documento che sembra la tessera del partito nazifascista, si lascia la gente senza lavoro, si ammazzano bambini in nome di un siero genico spacciato per vaccino.
    La memoria non è servita a niente perché la gente non ha voluto imparare niente.
    Questo è."
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca, sono di un pensiero diverso. Non c’è nessun paragone tra i no vax e le vittime dell’olocausto. Puoi discutere sulle regole del green pass, ma non si può dire che la pandemia non esista, esiste eccome! Tante persone che conosco tra amici e parenti che si sono beccati il virus prima del vaccino sono state con l’ossigeno o ricoverate in terapia subintensiva. Quindi a me questa cosa che la pandemia non esiste non me la potete venire a dire. Siamo in democrazia, sei libera di credere a ciò che vuoi, però sempre perché siamo in democrazia, ti dico che io non condivido il tuo pensiero. Buona domenica.

      Elimina
    2. Caterina, il libero pensiero e la possibilità di esprimere la propria opinione è qualcosa che fa parte dell'autodeterminarsi e niente ha a che vedere con un regime politico.
      Il paragone c'è eccome: nel 1938 si mettevano i cartelli con su scritto "vietato l'ingresso agli ebrei e ai cani", ora lo si fa con chi non vuole sottoporsi a una sperimentazione siero genica (chiamiamo le cose col loro nome).
      Uno Stato che non concede voto ai cittadini, che mente, minaccia e uccide i suoi cittadini non è democratico: è uguale a quegli Stati, fra cui anche il nostro, che si sono macchiati di crimini atroci.
      Per quel che riguarda il coronavirus, alias virus del ceppo influenzale che esiste da sempre, io non ritengo sia una pandemia e come me la pensano tante altre persone fra cui per esempio il premio Nobel Luc Montagnier (che qui viene bistrattato al pari di un minus habens) ma è giusto rispettare l'altrui opinione.
      Ingiusto è invece appoggiare in opere, pensieri, azioni e parole un governo che discrimina i suoi cittadini.
      Ti abbraccio.

      Elimina
    3. Francesca non credo che una cosa non sia vera perché noi pensiamo che non sia così. La realtà è diversa da come noi la vorremmo. Ad ogni modo non ho alcuna intenzione di convincerti di niente, così come non mi convincerai perché parlo di quello che ho visto. E sinceramente io a tutti questi complotti non ci credo. Pure in passato, ogni volta che scoppiava un’epidemia si parlava di complotti e si negava la realtà. C’è ne ha parlato anche Manzoni. Io credo che la storia vada studiata per non ripetere gli errori del passato. Buona serata, un abbraccio.

      Elimina
  26. Sì è importante tenere viva la memoria, sto leggendo Le gemelle di Auscwitz di Eva Mozes, la storia di due gemelle- Eva e sua sorella - finire tra le grinfie del dottor Mengele, mi chiedo come sia potuto accadere un simile orrore, una tale disumanità programmata terrificante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco quella storia, davvero si rabbrividisce di fronte alle atrocità compiute dal dottor Mengele. Non si trova una spiegazione razionale, solo orrore e sgomento.

      Elimina
  27. Mi piace questa poesia perché è bella, sottolinea il male che fu fatto alle persone in quella pagina orrida della nostra storia, e alla fine rimarca l'importanza della memoria.
    Sei stata bravissima, non è facile scrivere bene su un argomento tanto delicato.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio sinceramente, Francesco, non posso che apprezzare le tue parole. Buona domenica.

      Elimina
  28. Ciao Caterina, buona domenica sera.

    RispondiElimina
  29. Nazism and the holocaust, where millions of people were murdered, was a cruel and hideous page of humanity. And even today we still don't fully understand how it was possible to get to that madness.
    And so we have to keep the memory alive...
    Your poem is excellent, congratulations on your talent.
    Have a good week, my dear friend Caterina.
    Kisses.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks, Jaime. Your gentle words make me very happy. Have a good week.

      Elimina
  30. Bellissimo leggerti... Mai dimenticare, grazie!!!!

    RispondiElimina
  31. Giusto, non dobbiamo dimenticare.
    E poi dobbiamo ricordarci che ci siamo detti di non dimenticare, così tanto per farci un promemoria.
    Baci.

    RispondiElimina
  32. Sì, teniamo d'occhio quel vulcano che sembra addormentato...
    Davvero bella! ❤

    RispondiElimina
  33. Sembra addormentato ma non lo è, infatti. Grazie di cuore.

    RispondiElimina
  34. Gostei de reler o teu excelente poema.
    Continuação de boa semana, querida amiga Caterina.
    Beijo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jaime, sono davvero onorata. Buon fine settimana.

      Elimina
  35. Ma sai che sei stata davvero brava! per non dimenticare...davvero.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  36. post che mi ha colpito a gennaio 2022 https://haylin-robbyroby.blogspot.com/2022/02/post-che-mi-hanno-colpito-gennaio2022.html

    RispondiElimina
  37. Hai scritto dei versi sentiti e profondi in memoria di quell'incommensurabile ed abominevole orrore. Purtroppo l'uomo non impara dalla storia ed il male anche in seguito ha continuato a colpire in una forma o in un'altra. Fin quando l'umanità non evolverà nello spirito e non sarà così più capace di odiare, ci saranno sempre orrori e discriminazioni. Un caro saluto e buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei complimnti. Dici bene, purtroppo l'uomo non impara mai, evolverà mai l'umanità?

      Elimina
  38. come mio solito ho letto più volte.
    hai ben descritto, anche con notevole partecipazione emotiva, una vicenda spaventosa.
    buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio di aver dedicato al mio scritto più di una lettura. Buon pomeriggio.

      Elimina
  39. ...La cosa peggiore è che non c'è memoria nella mente di chi, ancora, non si rende conto dell'atrocità di quel momento storico che dovrebbe solo far vergognare.
    L'ho scritto anche su altri blog e non smetterò di ripeterlo: non riesco ancora a concepire ed a rendermi conto di come l'essere umano sia stato in grado di concepire un simile inferno per altri esseri umani. Seguendo quale logica? Quale ideologia? Non lo accetto, non lo capisco, non lo tollero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non trovi la risposta perchè è un comportamento mostruoso fuori da ogni logica umana.

      Elimina
  40. Ps. ovviamente bellissima la tua poesia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore per i complimenti e per la visita

      Elimina
  41. Para quando um novo poema?
    Boa semana, querida amiga Caterina.
    Beijo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona settimana, Jaime- Grazie di essere passato.

      Elimina
  42. Ho scoperto questo blog grazie alla segnalazione della mia amica Roby e le sarò grata sempre per avermi aiutato a scoprire questo gioiello. Mi sono subito iscritta perché non posso non seguire una forza poetica del genere. La retorica e la tua capacità di creare immagini con le parole scritte ha toccato il mio cuore e la mia mente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono onorata dalle tue parole, te ne sono davvero grata. Son contenta che tu ti sia iscritta al mio blog e ti do con tutto il mio cuore un sincero benvenuto.

      Elimina
  43. Complimenti Caterina, versi efficaci e delicati al tempo stesso...la tua è una sensibilità unica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina, le tue parole mi fanno emozionare. Un abbraccio grande.

      Elimina
  44. Una presiosa segnalazione di Roby!

    RispondiElimina
  45. Risposte
    1. Grazie Sara di questo complimento. Benvenuta nel mio blog!!! Buon pomeriggio.

      Elimina

Omologazione

Sempre gli stessi volti svuotati installati su stonate piattaforme incorniciate da campanili  e famose torri, vanamente esaltati sopra un dr...