8 MARZO

 


8 Marzo

Sorridi donna
tu che sei soffio di vita
che di cielo allaga le ossa
a stagliarsi
sulle fresche fronde
degli alberi
che sussurrano al vento
di te.
Forse non sanno
che il tuo ventre
genera il balsamo dei fiori
e novelle essenze di gelsomini,
che la tua mente
è come il cosmo che accoglie
la luce di tutte le stelle
e i sogni di tutti i bambini
e ingravida di sole
perfino la notte.
Ti costarono la vita
e il sangue
le tue battaglie
per l’ emancipazione,
(e ancora oggi
e ogni giorno)
ma non basterà
a spegnere l’assolata fiamma
che ti ribolle sotto la carne.
No, non basterà
a farti piegare la testa,
a farti rinnegare
la tua, la nostra santa libertà,
la tua, la nostra santa parità.
Caterina Alagna

16 commenti:

  1. La lotta per la parità è ancora lontana dall' esser conclusa. Va condotta a viso aperto e con coraggio da donne e uomini. Bellissima la tua poesia.

    RispondiElimina
  2. Poesia che condivido in pieno e che è straordinaria.

    RispondiElimina
  3. Grazie Caterina! Buon 8 Marzo!

    RispondiElimina
  4. Versi che fanno tanto riflettere.
    Buon 8 marzo.

    RispondiElimina
  5. Che bella !! Complimenti, sei statata bravissima e condivido ciò che scrivi. Saluti cari

    RispondiElimina
  6. Le donne hanno la vita dentro proprio perché hanno la facoltà di generarla. Sono piene di vita a prescindere dal fatto che abbiano avuto figli oppure no.

    RispondiElimina
  7. "e ingravida di sole perfino la notte". Direi meraviglia.. anche se la battaglia è pienamente aperta ed il problema - per quanto voi continuiate ad inondarci di luce - è assolutamente nostro, di noi maschi incapaci. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. In generale guardiamo come la donna vive in Iran, Afghanistan e in tutte le nazioni governate secondo l'ideologia del fondamentalismo islamico.
    E cosa pensare delle donne, a milioni, infibulate, ammazzate dai compagni gelosi, il genocidio di 500,000 donne in Ruanda. Non si contano più gli stupri che in diverse nazioni non sono nemmeno puniti.
    Sottopagate, obbligate per sopravvivere ai lavori più umili, costrette alla prostituzione a partire dai 13/14 anni.
    Senza pudore continuano con questa Festa delle Donne che è nella realtà un Olocausto.

    RispondiElimina
  9. È una poesia stupenda. Una speranza che la donna diventerà come l'hai descritta.

    RispondiElimina
  10. Che belle parole per parlare dell'essere donna, Grazie Caterina. Buona domenica.
    sinforosa

    RispondiElimina
  11. Sorridi donna.
    Si, sorridi.
    Che il mondo non aspetta altro.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  12. Molto bella Caterina, brava brava! Voglio credere che ci possa essere un'inversione di tendenza e che le donne possano essere rispettate come meritano! Lo sto vedendo ancora troppo poco purtroppo 😢 Un abbraccio 🤗

    RispondiElimina
  13. Davvero notevole, Caterina. Me la sono gustata con lettura ad alta voce. Ci sono passaggi veramente stupendi. Quanto ancora resta da fare in questa lotta ormai diventata nuovamente attualissima!

    RispondiElimina
  14. No, non abbasseremo la testa avremo la nostra libertà, la nostra parità.

    RispondiElimina
  15. sono nata l'otto marzo, compleanno in ospedale...sola! ma sai questa poesia così bella descrive tante sfaccetature delle donne e una sento che mi appartiene.... Bellissima questa dedidica alle donne, che può uscire solo da una grande donna con un cuore speciale Baci

    RispondiElimina

Barlumi d(')istanti, la raccolta poetica di Maria Teresa Zanca

Oggi per la mia rubrica "Conosciamo un poeta" vi presento la poetessa Maria Teresa Zanca, autrice della raccolta poetica Barlumi d...