Glicine





Verde come la speranza 

che scioglie la neve 

e m'inonda di acqua,

limpida e gaia

come il cielo di Pasqua 

a frullare fruscii di primavera.

Io sono le gocce 

a imperlarmi la faccia 

e il sole che splende

è una cascata di fresca bonaccia, 

è un cesto gemmante di viole 

e il glicine che circonda la casa,

penzolante sulle gote,

mi rinfresca come muschio 

le labbra e l'anima tace

ammutata da fronde di pace.


Caterina Alagna


14 commenti:

  1. I glicini sono fra i fiori più belli e poetici.

    RispondiElimina
  2. Bravissima come sempre Caterina. Un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Nel colore e nel profumo della glicine si intrecciano le tue parole ed i tuoi pensieri.
    Un carissimo saluto

    RispondiElimina
  4. Mi piace questa poesia.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  5. "Io sono le gocce a imperlarmi la faccia" esempio di poesia che si traveste da sensazione pulsante e trasporta palpiti di partecipazione a chi legge e si emoziona..

    RispondiElimina
  6. Un animo sensibile è capace di "farsi natura" e sentirsi glicine di fronte a quella pianta meravigliosa .
    abbraccio
    eos

    RispondiElimina
  7. Mi è sempre rimasta impressa la parola "glicine" per via della lunga poesia di Pasolini che mi inquietò parecchio. Il tuo glicine è fresco, dolce e rassicurante. Splendida Caterina, fiorita come un glicine profumato.

    RispondiElimina
  8. Che bella !! Amo il glicine , è un fiore stupendo ! Complimenti per i tuoi versi. Ciao

    RispondiElimina
  9. Adoro le tue consonanze, Caterina. Mi paiono proprio snodi gradevolissimi.

    RispondiElimina
  10. In questi tuoi versi ho raccolto l'inizio sereno della primavera.

    RispondiElimina

Barlumi d(')istanti, la raccolta poetica di Maria Teresa Zanca

Oggi per la mia rubrica "Conosciamo un poeta" vi presento la poetessa Maria Teresa Zanca, autrice della raccolta poetica Barlumi d...