A Matera

Lo scorso weekend mi sono affacciata poco sul blog perchè mi sono concessa una pausa. Sono stata in una meravigliosa città del sud, definita dall' Unesco patrimonio mondiale dell'umanità, unica nella sua bellezza. Sto parlando di Matera. E' la prima volta per me in questa città e devo dire che me ne sono andata a malincuore perchè Matera è una città che ti abbraccia con la sua arte, con la sua bellezza e con la sua tranquilla, ma mai spenta, vita cittadina. Non poche le cose da vedere che ti lasciano a bocca aperta.La città antica, meglio conosciuta come I Sassi, sorge su due nuclei: il Barisano e il Caveoso. Una volta che ti inoltri nei vicoli vieni avvolto da un'aura di rara bellezza che però mostra segni di un passato di sofferenza. E' possibile visitare alcune case, oggi musei, che sono state arredate con i mobili e gli utensili originali del periodo in cui erano abitate, donati dai discendenti delle famiglie che vi abitarono fino a metà del secolo scorso. Le case, scavate nelle grotte, non hanno all'interno l'aspetto delle nostre case, sono piuttosto caratterizzate da una sola stanza senza finestre e con un povero mobilio costituito da una piccola tavola, qualche mensola, da un'umile dispensa e un cassettone. Negli angoli di questa unica stanza troviamo minuscoli vani: il vano cucina,  il vano stalla ( all'esterno non c'era spazio per gli animali per cui li ospitavano in casa) e il vano notte costituito da un un letto e una piccola culla. Queste case erano abitate da poveri contadini, erano luoghi molto umidi privi di luce, di finestre, di porte e di acqua corrente. Possiamo solo immaginare, quindi, le condizioni malsane in cui vivevano: scarsa igiene, poco cibo, odore nauseabondo anche a causa della presenza degli animali in casa (dove immaginiamo espletassero i loro bisogni fisiologici). Inoltre erano abitate da nuclei di famiglie molto numerose. Ogni famiglia, infatti, aveva in media otto figli. Si veniva a creare un vero e proprio microclima deleterio per la salute. In questi territori erano diffuse molte malattie che provocavano vari focolai endemici: tubercolosi, leishmaniosi, rachitismo, polmoniti, malaria. Altissima la mortalità infantile, che arrivò  tra il 1923 e il 1933 a raggiungere percentuali addirittura del 45%. Nel 1945 Carlo Levi nel suo capolavoro "Cristo si è fermato ad Eboli" pose la questione materana all'attenzione della politica nazionale. Nel 1948, il leader del Partito comunista italiano dopo avervi fatto visita,  definì Matera "la vergogna nazionale". Dello stesso avviso fu il primo ministro Alcide De Gasperi quando vi fece visita nei primi anni '50 e con una legge del 1952 impose lo sgombero delle case grotte. I cittadini vennero trasferiti in nuove strutture che poi costituirono le abitazioni della città nuova. Solo negli anni '80 i Sassi vennero di nuovo rivalutati e iniziò un graduale percorso di recupero che portò nel 1993 l'Unesco a definire Matera patrimonio mondiale dell'umanità. Nel 2019 Matera è stata capitale europea  della cultura. Ad ogni modo, oggi quando ti inoltri nei piccoli vicoli dei sassi una forte emozione ti strugge il cuore. Grande attenzione merita il complesso di chiese rupestri scavate nelle grotte. Tra le  più importanti troviamo Santa Lucia alle Malve,  Santa Maria di Idris che sorge sulla sommità dell'omonima rupe e San Pietro Barisano. Purtroppo non ho potuto fare foto degli spazi interni di queste suggestive chiese in quanto era vietato. Ospitano, infatti, al loro interno numerosi affreschi importanti già deteriorati dal tempo ( alcuni ormai quasi totalmente perduti), è un modo, quindi, di preservare questo patrimonio artistico inestimabile. Meritano una visita anche tutte le meravigliose chiese della città nuova. Sono in realtà molto antiche anche se costruite fuori dai sassi. Alcune sono molto antiche e risalgono al 1200. Ovviamente non mancano i musei. Purtroppo la mia visita non è stata molto lunga per cui non ho potuto visitare le grotte del Paleolitico nel parco materano della Murgia in cui sono stati ritrovati utensili e pitture rupestri risalenti a 400.000 anni fa, periodo in cui visse l'Homo Habilis e successivamente l'Homo Erectus. Insomma Matera è un esempio di un ecosistema  straordinario che parte dalla preistoria e arriva fino ai nostri giorni che attraversa vari piani :culturale, artistico, architettonico, naturale e urbanistico.


A Matera ho voluto dedicare dei versi a cui seguiranno le foto. 


A Matera

Matera
dai vividi splendori, 
ti ergi su due cuori 
di sassi e di dolori.
Tempio consacrato alla 
filosofia povera,
adornato di atavici stenti 
e di giorni iti alla 
malora.

Tu,
intima alcova
di un’anima nuda
che nell’amore di Maria
si ristora.
Si eleva sincera 
la tua umile pietra 
che di arte e di gloria 
lasciò il suo segno
nella storia.

Matera,
la mia anima si sposa
alla tua pietra,
la tua magnificenza
gli occhi mi sottrae
mentre deliziata affondo
nella tua terra 
di bellezza soave.

Caterina Alagna 






Chiesa rupestre di Santa Maria di Idris



 

Chiesa rupestre di San Pietro Barisano


Chiesa di San Francesco d' Assisi

Chiesa del Purgatorio


Chiesa di San Giovanni Battista


Duomo 


Matera di sera




Non ho postato le foto di tutte le chiese che ho visitato perchè sono numerose. Pensate che a Matera ce ne sono ben 156. Io, ovviamente, ho visitato le principali :-).

78 commenti:

  1. Questa estate, Lisa, mia figlia che passava le vacanze a casa mia, è andata a vedere Matera. Dopo due giorni è tornata molto contenta, ma non è riuscita a spiegarmi l'importanza di Matera.
    Il tuo post, abbellito dalle immagini e superbo nelle tue poesie ha spiegato il perché di Matera interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gus, mi fa piacere sapere che son riuscita a trasmettere le emozioni che ho provato di fronte a questa città dove bellezza e sofferenza hanno raggiunto una sorta di equilibrio. È un piacevole miscuglio di emozioni contrastanti. Buona serata.

      Elimina
  2. Città unica e affascinante, set naturale di molti film.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, molto film sono stati girati a Matera. Hanno girato anche La Passione di Cristo di Mel Gibson e Il Vangelo secondo Matteo di Pasolini. Si presta perfettamente per creare le antiche atmosferiche israeliane. Buona serata.

      Elimina
  3. Imagens lindíssimas que indicam ser Matera uma cidade encantadora.
    .
    Um Sábado feliz …. Abraço e/ou beijinho.
    .
    Pensamentos e Devaneios Poéticos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rycardo del tuo commento. Buona sabato anche a te!!

      Elimina
  4. Mia sorella ci è stata e ne è rimasta incantata come te. Certamente riesce difficile abbinare il concetto contrastante di un luogo ritenuto oggi patrimonio dell'umanità e che invece per chi ci viveva era causa di degrado e simbolo di povertà. Comunque certamente un pezzo di storia del nostro paese.

    RispondiElimina
  5. È vero, la cosa ha fatto riflettere anche a me. È un complicato e affascinante ecosistema in cui arte, bellezza e sofferenza hanno raggiunto una sorta di equilibrio. Buona serata.

    RispondiElimina
  6. Una città davvero unica, e bellissima, cui hai dedicato un prezioso, e valido, articolo molto apprezzato.
    Buona domenica,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia del tuo commento, molto apprezzato da parte mia. Buona domenica.

      Elimina
  7. "tempio consacrato alla filosofia povera", l'insieme di una narrazione appassionata, di belle immagini e di toccanti versi, orbita attorno a queste parole.
    Matera è probabilmente la città italiana più intimamente poetica, dove le sensazioni dell'anima prevalgono su quelle del corpo.
    Tu stessa in una risposta ad un commento ne hai fatto la sintesi:"arte, bellezza e sofferenza hanno raggiunto una sorta di equilibrio", povera, sofferta, difficile, quando la bellezza emerge nonostante tutto.
    Grazie Caterina, bello il tuo reportage che va oltre la classica visita turistica (in un tempo dove in cinque giorni viditismo dieci capitali europee solo per poter dire di esserci stati).
    Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Romualdo per questo elogiante commento, sono lusingata. Concordo con te, Matera è la città più intimamente poetica, hai usato l'espressione giusta per definire questa meravigliosa città. Nella parte finale del commento hai parlato di quello che io ritengo un disagio del nostro tempo. Mi è capitato di confrontarmi con persone che si vantavano di aver girato l'Europa, ma quando poi apprfondivo l'argomento scoprivo che non avevano imparato niente dai loro viaggi, era come se non fossero mai partiti.Non avevano visitato chiese, nè musei, non conoscevano nulla dei luoghi in cui erano stati se non le specialità gastronomiche. Io lo definisco un disagio: oggi quando si sposta, lo si fa solo per apparire, per potersi vantare sui social. Siamo di fronte a un impoverimento culturale. Buona domenica anche a te.

      Elimina
  8. Non avevo dubbi che un luogo simile ti avrebbe incantato e suscitato versi delicati ed un post appassionato e competente; Matera è davvero particolare e ci ho lasciato un pezzetto di cuore
    "Matera ti si adagia attorno e addosso,
    come uno dei tanti gatti a passeggio sulle mura ritorte"

    Ne ho parlato da me https://francobattaglia.blogspot.com/2019/05/tra-i-sassi-di-matera.html#comment-form
    e sono felice che sia riuscita a vedere San Giovanni Battista, in teoria fuori degli abituali circuiti, perlomeno quelli frettolosi, è una chiesa magnifica col suo romanico pugliese fortunatamente intonso che lascia davvero senza fiato.
    Spero solo che una volta spenti i riflettori come Capitale della Cultura, si faccia qualcosa di concreto.
    Un collegamento ferroviario innanzitutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sei stato anche tu quindi comprendi perfettamente il mio stato d'animo. Dici bene, "Matera ti si adagia attorno e addosso". E' proprio così ti rimande addosso e aggiungo che ti entra dentro e la porti con te quando la lasci. San Giovanni Battista mi ha letteralmente incantata, uno splendore. Mi è piaciuta tantissimo anche la Chiesa del Purgatorio. Dici bene, speriamo si faccia di più per Matera perchè è un gioiello prezioso. Io in effetti ci sono sono andata con la macchina, ci vorrebbe un collegamento ferroviario per una città così importante.

      Elimina
  9. E' ben meritata la nomea che ha: città d'Arte
    Belle rime che accompagnano le foto
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovanni per i complimenti, buona domenica anche a te.

      Elimina
  10. Che bello !!!! Io sono stata a Matera, una sola volta, purtroppo. Vorrei tornarci, sarebbe l'ideale per un week end ma il problema è che è dall'altra parte dell'Italia, dato che io abito vicino a Milano!!! Qualche anno fa, proprio per visitare Matera, sono andata al mare a Castellana Marina, che è abbastanza vicino e , da lì, ho raggiunto poi Matera . Bellissima, incredibile ...mi chiedo come facessero a vivere in quelle case, dovevano essere fredde e umide !!! Brava per i tuoi versi e le tue foto, che mi hanno ricordato i luoghi che ho visitato. Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, merita una seconda visita. Purtroppo non è molto facile arrivarci soprattutto per chi abita lontano. Io l'ho raggiunta in macchina, però abito in Campania. Anche io mi chiedo come facessero a vivere nelle case grotte, oggi sono luoghi suggestivi, ma in passato quelle case hanno visto fame e sofferenza. E' incredibile questo connubio tra bellezza e sofferenza. Grazie dei complimenti, mi fanno molto piacere. Buona domenica anche a te.

      Elimina
  11. La tua meravigliosa poesia accompagnerà la mia futura visita a Matera, brava, brava e ancora brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi emoziono ogni volta che leggo un tuo commento. Sono onorata, grazie Lea, veramente. Te lo dico col cuore. Buona domenica.

      Elimina
  12. Meravigliosa la tua poesia, fa sentire quanto la visita a questa bella città ti abbia emozionato. Sono stata a Matera nell’estate del 2019, eravamo stati nel Salento e al ritorno ci siamo fermati un paio di giorni a Matera. Mi è piaciuta moltissimo, è un gioiello storico-architettonico davvero unico, una testimonianza concreta del periodo storico di un’Italia rurale e povera, per questo penso sia molto importante aver recuperato questi luoghi come musei. È vero che erano case poverissime e poco salubri, ma c’erano molte realtà simili (anche se non erano grotte) dell’Italia contadina del sud. Per questo è bello aver recuperato questi spazi e la loro storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio di cuore Giulia. Hai ragione, per fortuna sono stati recuperati questi luoghi pieni di storia, testimonianza culturale e artistica del meridione. In provincia di Matera c'è un altro paese da visitare, un "paese fantasma"in quanto oggi è completamente abbandonato, ma è dotato di una bellezza strabilinate. Si chiama Craco, non so se ci sei stata. Io purtroppo no. Fu completamente distrutto da una frana nel 1963 e gli abitanti si traferirono nella vicina città di Craco Peschiera. Oggi è una delle mete più belle della Basilicata.

      Elimina
  13. Amo molto Matera. Ci sono stata molte volte, l'ultima nel 2019.
    È una città che ti ricarica l'anima. Ha un impulso vitale unico. Stupenda e misteriosa. Ricordo quando, diversi anni fa si era all'inizio con il recupero dei sassi e i materani erano ancora parecchio gelosi del loro passato. Perfino bruschi con i visitatori. Ma sinceri e veri. Ora è tutto cambiato. La fama e il fiume di denaro che sono arrivati grazie alla celebrità hanno completamente trasformato il loro "piccolo" mondo. Certo, resta la bellezza, quella è strabiliante,abbagliante nel suo bianco splendore. Ma chissà quanto della genuinità iniziale è andato perso. E non tornerà più. Grazie per il bel post dedicato alla città, per le foto e per la bellissima poesia.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, la città è magica e avvolta dal mistero. Quel che ho notato è che cittadini in parte somigliano a quelli delle grandi città. Non so quanto sia rimasto di genuino, sicuramente non hanno perso tutto però una cosa che mi ha stupita è stata la poca diffusione del dialetto. Non che mi aspettavo che parlassero in dialetto, questo no, però credevo di trovare il linguaggio genuino e spontaneo del sud. Ogni regione ha la sua caratteristica che va sempre conservata, secondo me… anche quella è patrimonio dell’umanità. Grazie dei complimenti e buona serata. Un abbraccio grande.

      Elimina
  14. Bellissime le parole che hai dedicato a questa splendida città. Io non ho ancora avuto occasione di visitarla ma, conoscendomi, so già che me ne innamorerei.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la consiglio, è una città di cui non puoi non innamorarti secondo me. Fascino, arte e mistero ti penetrano, non si può restare indifferenti. Grazie del commento, buona serata e un abbraccio.

      Elimina
  15. 156! più chiese che cristiani :)
    buon giorno

    RispondiElimina
  16. Mi manca Matera nel senso che non ho potuto mai visitarla e mi spiace perché è bellissima come i versi che le hai dedicato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniele, Matera è bellissima, se ti capita l’occasione non perderla. Un caro saluto.

      Elimina
  17. Brava Caterina, complimenti per la poesia bellissima, il tuo reportage fotografico e la tua descrizione sono semplicemente splendidi. Matera è una città unica nel suo genere rivalutata per i suoi "Sassi" ormai conosciuti i tutto l mondo, un orgoglio per la nostra bella Italia e per le sue trdizioni, Ciao un abbraccio e buona serata, un bacione Angelo.

    RispondiElimina
  18. È vero, Matera è il nostro orgoglio. Meritava tutta l’importanza che oggi riceve. Grazie di cuore dei complimenti, sono onorata. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  19. Buongiorno e grazie per aver onorato egregiamente tale bellezza...

    Questa lettura mi ha riportata indietro negli anni,leggendo un post di una ragazza scomparsa prematuramente.Ti lascio il link ,se vorrai leggere quel post davvero commovente,credo ci siano dettagli che uniscono le vostre percezioni/descrizioni.Una fusione di bellezza che traspare dalla visita alla stessa città di Matera.Grazie e buona giornata.

    http://gucciaguccia.blogspot.com/2010/08/matahr.html?m=0

    RispondiElimina
  20. Mai vista, grazie per il post e le fotografie che me l'hanno fatta scoprire.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Olivia, te la consiglio, è una città meravigliosa. Ti abbraccio.

      Elimina
  21. Continuano le coincidenze 😮
    Mia madre avrebbe intenzione di andare a Matera in una specie di viaggio organizzato fra qualche giorno, poi però sono saltati fuori con la solita storia del covid dicendole che molti sono stati ricoverati da quelle parti, per cui forse non se ne farà più niente...

    RispondiElimina
  22. Purtroppo c’è di nuovo questo aumento, anche se io sapevo che la Basilicata ha una delle incidenze più basse d’Italia. Purtroppo le cose tendono a cambiare repentinamente e ora a dire il vero non saprei dirti qual è la situazione. Di sicuro in Campania stiamo messi peggio della Basilicata anche se ci sono meno ricoveri ospedalieri rispetto all’anno scorso.

    RispondiElimina
  23. Matera, capitale dell'umanità, insegna al mondo, con la sua povertà sconcertante, un altro modo di vivere, sottolinea il troppo che abbiamo oggi e come, pur in tempi di miseria, si siano costruite chiese alle quali affidare i sogni e le speranze.
    La tua poesia è bellissima e questo aggettivo non rende l'emozione. Inviala a Matera, li farai felici.
    Grazie Caterina, bel pezzo questo tuo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di tutto ti ringrazio per gli apprezzamenti alla poesia e all’articolo. Le tue parole mo rendono felice!!! Son d’accordo con te, Matera è la dimostrazione che la grandezza, la bellezza sono valori elevati, appartengono alla sfera dell’anima per cui possono emergere anche un condizioni di estrema povertà. Matera insegna molto da questo punto di vista. Ti abbraccio Sari, buona giornata.

      Elimina
  24. Buongiorno. Passa da me che c'è un premio per te💛

    RispondiElimina
  25. Un post ricco e bello, complimenti mia cara. Ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Simo, mi fa piacere che ti sia piaciuto. Ti abbraccio.

      Elimina
  26. Ciao Caterina!
    Beh, Matera la conosco bene. Ci sono stata più volte ed è sempre una forte emozione visitarla. Il tuo resoconto è bellissimo come la poesia che le hai dedicata, così veritiera. Bravissima.
    Le tue foto poi... davvero meravigliose.
    Grazie di tutto ciò e ti abbraccio fortissimo.
    P.s. complimenti per il meritatissimo premio. Ciao. 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pia, sei sempre carinissima. Dato che ci sei stata diverse volte sicuramente comprendi le mie emozioni. Mi ha lasciato un bel ricordo e la rivisiterei con tanto piacere. Complimenti per il premio anche a te, anche il tuo davvero meritato.😊 Ti abbraccio.

      Elimina
  27. Una dedica fantastica Caterina e un reportage fotografico che colma il cuore di un italiano di tanto orgoglio. Solo da noi si possono vedere cose così belle e tu hai saputo coglierne l'essenza. Un abbraccio di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del tuo graditissimo commento. Dici bene, queste cose belle si possono vedere solo in Italia, peccato che spesso non diamo loro il valore che meritano. Un abbraccio di cuore anche a te.

      Elimina
  28. Grazie Caterina, un bellissimo post... E' nei miei appunti di viaggio, speriamo prima o poi di poterci andare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, cara. Te lo consiglio, è una città di cui ci si innamora. Buona giornata.

      Elimina
  29. I know some Italian cities but never visited Matera. But in my next visit maybe I will go to this place.
    Interesting post.
    Kisses, my dear friend Caterina.

    RispondiElimina
  30. I suggest you go to Matera. It’s a wonderful place. Have a good day, Jaime. Thanks for your visit.

    RispondiElimina
  31. ciao Caterina: confermo anch'io che Matera è una città magica e la tua poesia è molto bella; sono rimasto incuriosito da questi versi "Tu,
    intima alcova
    di un’anima nuda
    che nell’amore di Maria
    si ristora."
    Me li spiegheresti meglio?
    Un saluto

    RispondiElimina
  32. Ciao Luigi, prima di tutto ti ringrazio per i complimenti, davvero graditi. Ora ti spiego cosa intendo in quei versi. Come ben sai a Matera fino alla metà del secolo scorso, abitavano persone estremamente povere. Quando ho visitato le case grotte mi ha colpito l’estrema sofferenza di quelle persone, la vita di sacrifici che hanno vissuto: povertà, malattie, fame, freddo. A tutto ciò di unica l’elevata mortalità infantile. Ho pensato dunque al cuore devastato di queste persone che vedevano morire i loro figli ancora bambini. Ecco tutto questo si può accettare solo con la fede, solo con l’affidare la propria vita a Dio e alla Madonna. Ho parlato di Maria perché solitamente è a lei che si rivolgono le madri, perché Maria è una madre che ha visto morire suo Figlio. Inoltre nel meridione molti sono i culti e i siti mariani. Ce ne sono tanti anche in Basilicata, uno dei più luoghi famosi è il Santuario della Madonna Nera del Sacro Monte di Viggiano. Una testimonianza del rapporto forte con la fede a Matera sono le sue numerose Chiese, ce ne sono più di 150. Con “anima nuda” intendo le persone che vivevano con l’enorme dolore di sopravvivere ai loro figli. Ti ringrazio per la domanda e son contenta che questi versi ti abbiano suscitato curiosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusa all’ottavo rigo ho sbagliato a scrivere. Volevo dire “a tutto ciò si univa”*

      Elimina
    2. adesso mi è più chiaro: grazie di cuore per questa approfondita e bella spiegazione!!!
      E' proprio vero che al sud la devozione alla Madonna è molto sentita: io Le ho dedicato un post che mi sta molto a cuore
      https://lucesepolta.blogspot.com/2010/12/lepressione-del-viso.html

      Elimina
    3. Bene, mi fa piacere che la mia spiegazione sia stata esaustiva. Grazie di avermi dato il link, andrò a vedere. Buona serata.

      Elimina
  33. Bella la poesia, ti ringrazio inoltre di questo post dedicato a Matera perché sono in cerca di qualche posto da visitare che non sia troppo lontano da dove abito. Mi hai dato un'ottima idea!

    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesco, mi fa piacere che il mio post ti sia stato utile. Matera è una città meravigliosa da ogni punto di vista. Molto bella anche la città nuova. Altro punto forte di Matera è il cibo. Ci sono tante specialità e prodotti tipici davvero eccellenti. Buona serata anche a te.

      Elimina
  34. waw una città bellissima e unica. Belli i versi e le fotografie sono stupende.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, benvenuta nel mio blog. Ti ringrazio della visita e delle parole gentili e molto gradite.

      Elimina
  35. Mai stata a Matera ma deve essere molto caratteristica.
    Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è molto particolare, davvero unica. La consiglio decisamente. Buona serata.

      Elimina
  36. Bel post e ottime fotografie. Beh, che dire, Matera sicuramente è una città molto particolare da vedere. Io purtroppo non ho avuto la possibilità di vederla dal vivo. Un saluto buona giornata e serena continuazione del mese di dicembre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, grazie della tua visita e dei complimenti. Un caro saluto anche a te e buona continuazione di dicembre.

      Elimina
  37. Che splendido reportage, Caterina. Complimenti, si vede dettato dalla tua grande sensibilità. Altra città che ancora, ahimé, non ho visto, voglio recuperare e cercarvi quello che hai sentito tu. Belli anche i tuoi versi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei davvero gentile, Luz. Mi fa piacere leggere le tue parole. Matera te la consiglio e son sicura che incanterà anche te. Buona serata.

      Elimina
  38. Ho la fortuna di avere Matera a circa un'ora di viaggio, ma forse proprio questa comodità me l'ha sempre fatta trascurare, "tanto sta là"...
    Ci sono stato comunque alcune volte, a cominciare da una visita guidata scolastica, poi principalmente di sera per raggiungere qualche locale, e solo una volta visitata in chiave "turistica" aggregandomi a un'agenzia viaggi.
    Posso confermare la magia di questa città un po' sospesa nel tempo, con una sua storia anche sotterranea, e le tracce di tante tradizioni artigianali osservabili visitando quelle che furono le antiche abitazioni, oggi rese piccoli "musei".
    La poesia, infine, rende perfettamente il tutto. 😊
    Lasciando Matera è possibile inoltre imbattersi in una stupefacente scultura naturale che somiglia in modo impressionante a una testa di tartaruga, non ricordo esattamente il posto, ma è dalle parti di un antico monastero o qualcosa del genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Succede che quando si ha una metà importante vicino si tenda farla passare in secondo piano per raggiungere mete più lontane. Può sembrare strano ma io non ho mai visitato Ischia, per esempio. Ad ogni modo Matera è stata una bellissima esperienza ed è una meta da visitare più di una volta. A 50 km da Matera, c’è il bellissimo paese fantasma di Craco. Non ho ancora avuto occasione di vederlo ma me ne hanno parlato molto bene. La Basilicata è regione piena di meraviglie, peccato che non venga compresa ancora pienamente la sua bellezza. Un’altra regione molto sottovalutata è il Molise, un vero peccato perché merita. Io sono stata nel borgo Marino di Termoli, molto carino.

      Elimina
    2. meta*….la tastiera intelligente non è sempre intelligente 😅

      Elimina
    3. A Matera e Craco è stato ambientato l'anno scorso un albo di Dampyr.

      Se hai una "metà importante vicino", la voglia di viaggiare c'è anche di più. 😉😅

      Elimina
    4. In effetti ero con la mia metà, è sempre meglio vaggiare in compagnia.

      Elimina
  39. anch'io, l'anno scorso, ho visitato Matera per la prima volta: una sola parola per descriverla, bellissima!

    RispondiElimina
  40. so na favola ste foto , un incanto pè gli occhi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei complimenti. Mi diletto a fare le foto ma so di non essere un’esperta.

      Elimina

Tieni viva la memoria

  La libertà insudiciata, stuprata, circondata da un filo spinato, con le mani imbrattate di sangue e di fango,  con la pelle aderente alle ...