"Sentimento", la strada per la libertà e la conoscenza.

"Sentimento" è un brano della " Piccola Orchestra Avion Travel" che si è aggiudicato la vittoria a Sanremo nel 2000. Ebbe un successo commerciale anche se non superò mai il nono posto in classifica e l'album vendette solo 70.000 copie. Il fatto è che le canzoni d'autore belle e significative non sono per tutti, sono per un pubblico di nicchia e "Sentimento", a mio parere, non fa eccezione. Non nascondo che il mio giudizio sia parziale, influenzato dai miei gusti personali. E' infatti uno dei miei brani preferiti, ma non si può negare che sia una canzone elegante e raffinata che risente di importanti influenze musicali. Il "Dizionario delle canzoni italiane" di Dario Salvatori lo ha definito "un omaggio alla musica del Novecento". Gli stessi autori ammettono che il brano risenta di numerose ispirazioni musicali che attraversano  le note e il testo. Il brano inizia con un'apertura pucciniana per poi citare subito un verso di una delle più belle canzoni napoletane : "sul mare luccica" di "Santa Lucia". Si esprime dopo in un ritmo elegante in cui mescolati si mostrano echi dei Pink Floyd, della musica greca, della melodia classica napoletana, di Verdi e persino di Orietta Berti. Quello che più mi colpisce di questa canzone, oltre la sua incantevole melodia, è il significato del testo. Sentimento è il nome di una barca e dei suoi sei pescatori che a volte riescono a prendere dei pesci e altre volte no. Il testo è  una metafora della vita, noi tutti ci troviamo su una barca, a volte navighiamo su mari calmi e a volte su mari in tempesta, momenti di gioia e di dolore si alternano e non possiamo che accoglierli e gestire la rotta nel migliore dei modi, "con la paura ogni tanto di affogare". Non manca il desiderio di libertà. Un verso che mi colpisce particolarmente è :" Diceva Ulisse chi m'ò fa fa? La strana idea che c'ho di libertà". Perchè non ci arrendiamo davanti alle difficoltà della vita? Perchè forse non vogliamo permettere al mondo di impedirci di realizzare i nostri sogni. Dovremmo essere esattamente come Ulisse, sempre in cerca di nuove ispirazioni e nuove " terre" da scoprire, nuove dimensioni in cui ritrovare noi stessi,  nuove esperienze in cui arricchirci fino a quando il "mare" lo vorrà, fino a quando un giorno ci travolgerà. In un'epoca come la nostra dove i giovani appaiono sempre più demotivati, spenti, privi di sogni, disposti ad accontentarsi, travolti dal vortice dell'immagine e dalla sfrenata voglia di apparire,  Ulisse è l'esempio da seguire. Il famoso eroe greco non si distingue per la sua bellezza, ma per la sua intelligenza, per la sua astuzia e per la sua infinita sete di conoscenza. Dovremmo essere animati come lui dalla curiosità, dal desiderio di raggiungere fonti di sconosciuto sapere e per farlo abbiamo bisogno proprio di sentimento, di quella passione emotiva che ci spinga con slancio nel cuore delle cose e che dia  un senso a questa vita fondamentalmente  senza senso. 

Sentimento

Sul mare luccica la luna in transito
biancheggia il corpo di una bestia acquamarina
ed è un incrocio tra il cielo e il fondo
cosa mai vista s'inabissa quando s'alza
maronna mia questo cos'è
Castellammare pesce non ce n'è

Sul mare luccica la nostra barca
tesa nel vento il suo nome è sentimento
stella d'argento sono contento

tu m'hai portato nella mano in cima al mondo
stiamo a vedere quando uscirà
con gli occhi cosa ci domanderà

na na na....

Sopra il mare non passa mai il tempo
tempo che non passa mai ci cercò ci trovò
ma noi chi siamo che ci facciamo
cosa vendiamo delle cose che più amiamo
e stare soli in mezzo al mare
con la paura ogni tanto di affogare

Diceva Ulisse chi m'o ffafà

la strana idea che c'ho di libertà

na na na....

Sopra il mare non passa mai il tempo
tempo che non passa mai ci cercò ci trovò



57 commenti:

  1. Grazie per questa canzone ricca di sentimento che avvolge l'anima. Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di avermi fatto visita e di apprezzare sempre i post che pubblico.

      Elimina
    2. Un abbraccio grande anche a te, Simo!

      Elimina
  2. Non seguo Sanremo da decenni, ammetto che i miei gusti musicali sono un po' più rozzi, meno sofisticati. Ricordo comunque il nome della band (soprattutto perché è un nome decisamente originale) e qualche polemica sulla loro vittoria da parte di alcuni mezzi di informazione, ma d'altronde a Sanremo le polemiche che fanno eco sulla carta stampata e in tivù sono la normalità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sanremo senza polemiche non è Sanremo, personalmente credo che questa canzone era troppo elegante per Sanremo, che da sempre accoglie musica pop.

      Elimina
  3. Forse l'ultimo Sanremo che ho seguito è quello del trionfo di Modugno con la canzone *nel blu dipinto di blu*.
    Ho ascoltato la canzone che ci hai proposto. E' struggente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero è una canzone struggente. Quando questo gruppo partecipò a Sanremo io andavo alle scuole medie. Già allora la canzone mi piacque e mi stupii della vittoria.

      Elimina
  4. Dici bene.. non possiamo farci fermare da nulla, dobbiamo metterci entusiasmo, passione, forza, entusiasmo; curiosità del dopo, della svolta dopo il sacrificio, del tirarci fuori dai casini e dalla sorte non sempre benevola, ma dobbiamo metterci del nostro, perché noi siamo i protagonisti, e non possiamo lasciare che lo scoramento rubi la scena, mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, la vita in sè è molto complicata, piena di difficoltà, se ci si lascia prendere dallo sconforto e dalla rassegnazione non si raggiunge un bel niente. Purtroppo la vita è una lotta.

      Elimina
  5. ... mancano grandi sogni, ideali e obiettivi validi da realizzare ...
    ... tutto passa attraverso il denaro, il fatuo apparire da raggiungere velocemente, senza dolore e fatica, attratti come falene dal luccichio dello show business e dal gossip...
    ... la vita di oggi si muove velocemente, imponendo scadenze e problemi quotidiani ingigantiti ad arte, che ci assorbono l'esistenza...
    ... un popolo facile da controllare, che inseguendo il quotidiano, resti un ingranaggio ... lavori e consumi non si fermi a riflettere, a sognare in grande ... panem et circenses", dicevano i latini ...
    ... studi in modo nozionistico, senza approfondire, tanto c'e Google...
    ... "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, questa è un’epoca dominata dalla superficialità che a maggior ragione trionfa in un mondo che va sempre di fretta. La mancanza di tempo non permette di studiare le cose, di approfondirle, di gustarle. La vita ci passa addosso senza lasciare traccia, non parlo a titolo personale ma mi riferisco alla massa.

      Elimina
  6. Hai ragione .......... Sul mare luccica la nostra barca
    tesa nel vento il suo nome è sentimento
    stella d'argento sono contento ............ la libertà bellissima

    un bacio e grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Valeria, la libertà è fondamentale. Senza di essa la vita non è vita. Un grande abbraccio e grazie a te di essere passata!

      Elimina
  7. Ricordo la canzone, ammaliante. Certo l'uomo è fatto per conoscere, approfondire, scoprire, conoscersi; un Ulisse dalla indomabile volontà. Grazie Caterina, ho molto gradito e apprezzato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, un Ulisse dalla indomabile volontà. Grazie, Felice di aver apprezzato!

      Elimina
  8. Una bella riflessione, riascolterò la canzone con l'attenzione che merita.

    RispondiElimina
  9. Un pezzo che ricordo, un testo molto particolare per San Remo.
    Bello che tu l'abbia ricordato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, un pezzo particolare che poco c’entra con Sanremo. Grazie di aver gradito.

      Elimina
  10. un pezzo stupendo sia musicalmente che come testo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto tutto, è davvero un gran bel brano.

      Elimina
  11. Ricordo bene quella canzone, è davvero bella. Hai ragione certe canzoni non raggiungono il grande pubblico, ma restano eterne per la loro bellezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse perché sono così preziose che solo in pochi possono comprenderle. Secondo me questa è una di quelle.

      Elimina
  12. Un brani raffinato e toccante che amo anche io molto pur ascoltando anche io generi tra loro molto diversi ma sono sostanzialmente onnivoro in fatto di musica e quindi non potevo non ricordare questa bellissima canzone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono onnivora, anche se qui dedico spazio alla canzone d’autore, mi piace ascoltare tanti generi musicali. Credo che in ogni genere ci siano cose meravigliose.

      Elimina
  13. Non la conoscevo, mi cogli del tutto impreparata.
    Gran bel testo, ti ringrazio per avermelo fatto conoscere.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di aver gradito. Il testo è molto profondo, più lo ascolti più ti racconta cose, più ti entra dentro.

      Elimina
  14. Não há liberdade sem conhecimento.
    Excelente texto, gostei de ler.
    Também gostei da música do vídeo, que não conhecia. Obrigado pela partilha.
    Boa semana, amiga Caterina.
    Um beijo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di aver apprezzato, Jaime !! Buona settimana anche a te! Un abbraccio!!

      Elimina
  15. Bellissima, la conosco molto bene, mio marito la suona spesso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non so suonare, ma credo che deve essere bellissimo suonare questo pezzo.

      Elimina
  16. Ricordo la canzone, non male.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  17. Rammento che, a suo tempo, mi avesse colpita ed affascinata questa canzone, ma poi l'avevo completamente dimenticata. Grazie di avermela fatta riascoltare e ricordare. E' veramente struggente e piuttosto diversa dai soliti generi che si ascoltano a Sanremo.

    RispondiElimina
  18. ti ho lasciato un nuovo commento sulla tua poesia cuore di periferia

    RispondiElimina
  19. Non ne sapevo nulla. L'ho ascoltata e mi è piaciuta! Ulisse un mio eroe giovanile che mi ha insegnato il valore della pazienza. L'uomo è immagine di Dio, ha in sé la costante ricerca del bene che lo porta a voler superare qualsiasi ostacolo trovi sul cammino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che ti sia piaciuta la canzone. Anche io ho imparato tanto da Ulisse.

      Elimina
  20. Molto ricca di significato la canzone della" Piccola Orchestra Avion Travel" che non ricordo d'aver sentito . Ed è proprio come scrivi cara Caterina , che la vita come una barca a volte va in acqua chete , altre in acque turbolente , ma non dobbiamo mai farci prendere dal timore di non riuscire a superare tutto .

    Un abbraccio , ottimo post .

    Buona serata
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, non possiamo intimorirci altrimenti il “ mare” avrà la meglio. Grazie di aver apprezzato. Un abbraccio !

      Elimina
  21. Ah, Caterina, capolavoro! Ricordo l'effetto che mi fece il brano appena lo ascoltai, percepii una nota diversa, poesia pura. Una nota anche malinconia, un insieme purissimo di note e accordi che mi riportavano al sud (che avevo lasciato da 3 anni).
    Non dimentichiamo l'altissimo pregio artistico che a prescindere possiedono i due fratelli Servillo. Un'eccellenza qualsiasi cosa facciano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un brano che naviga su note musicali diverse, è vero. Grande il talento dei due fratelli Servillo, due bravissimi artisti, dici bene!!

      Elimina
  22. La canzone non mi piace particolarmente, ammetto, ma mi piace il concetto che hai espresso nel tuo post e che ti ha ispirata. Sono sempre stata affascinata dai racconti epici e dalla figura di Ulisse in particolare, che ho incontrato la prima volta a scuola, sui libri delle superiori (alle medie non avevo appreso ancora pienamente la bellezza dei versi di Omero, troppo ricercati forse, per quell'età) ma da grande, di nuovo, la sua avventura ha assunto nuove sfumature (ed infatti devo trovare il tempo di rileggere l'opera, per vedere che effetto mi fa). Perché va a finire che il vero esempio da seguire forse era Penelope in realtà :D Ma ho divagato rispetto al tuo bellissimo scritto...La curiosità è un dono bellissimo, il motore di tutto. Mi rattrista chi non la conosce e chi non la asseconda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ulisse è da sempre uno dei miei personaggi letterari preferiti. Ti dirò, l’Iliade ho avuto modo di apprezzarla meglio alle superiori, ma l’Odissea mi piaceva già alle medie e non posso negare che la figura di Ulisse mi affascinava per le caratteristiche che ho già inserito nel post. Sono d’accordo con te sul fatto che certi capolavori si comprendono meglio da adulti. Quando si è piccoli non si ha la maturità di comprendere a pieno certi concetti. Grazie della visita e di aver apprezzato il post.

      Elimina
  23. Spero che il mio commento non si sia perso, non lo vedo :D

    RispondiElimina
  24. Gostei de reler.
    Boa semana, amiga Caterina.
    Um beijo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di essere ripassato, amico Jaime. Buona giornata e un abbraccio!

      Elimina
  25. Ciao Caterina, complimenti e buona settimana, un abbraccio Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Angelo dei complimenti, buona giornata e un abbraccio anche a te!

      Elimina
  26. Non sono un'amante del festival di San Remo e infatti non conoscevo questa canzone, almeno fino a dopo aver letto il tuo post.
    Dopo aver letto le tue spiegazioni e averla ascoltata capisco bene perchè ti piaccia così tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è una canzone a cui sono molto legata. Mi fa piacere sapere che questo aspetto sia stato percepito. Grazie, Stefania!!

      Elimina
  27. ogni tua frase, pensiero verso di me mi tocca sempre il cuore, ci sono momenti che hai bisogno di queste parole per sentire che qualcuno ti capisce, ti capisce nel profondo, capire le persone nel profondo non è da tutti e forse non lo merito in questo momento che mi sento impotente, ma sono state belle e io ti ringrazio tanto, Un caro abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre belle le parole che mi riservi. Mi fa emozionare, Valeria, veramente. Non mi devi ringraziare, tu sei una bella persona. Anche a me, sai, capita di essere assalita dallo sconforto e in quel momento si tende a vedere tutto in modo negativo, per cui ti capisco. La vita a volte, anzi direi spesso, è davvero pesante e le parole di un amico o anche solo di un conoscente, può sembrare strano, ci fanno stare meglio. Sono io che ringrazio te per la tua gentilezza e ti mando un abbraccio immenso.

      Elimina
  28. La musica d'autore ha complessità, non ha l'immediatezza del pezzo commerciale, per questo fa fatica a emergere in un mondo dove viene pubblicata una canzone al secondo. Nel tempo però la canzone d'autore vive, le canzonette no.

    Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È esattamente così. La canzonetta dopo due mesi l’hanno dimenticata già tutti. La canzone d’autore vive nel tempo. Diciamo che somiglia alla poesia, la differenza principale sta nella musica. Una poesia contiene in se la sua musicalità così d’apparire bella all’ascolto. Il testo di una canzone, anche se d’autore, letto senza musica spesso ( anche se non mancano le eccezioni) fa fatica a fare breccia, è la musica che gli conferisce un senso più completo e profondo.

      Elimina
  29. Passei para ver as novidades... que não há...
    Continuação de boa semana, amiga Caterina.
    Um beijo.

    RispondiElimina
  30. Ciao Caterina, mi mancano i tuoi commenti sul mio blog

    RispondiElimina

"Sentimento", la strada per la libertà e la conoscenza.

"Sentimento" è un brano della " Piccola Orchestra Avion Travel" che si è aggiudicato la vittoria a Sanremo nel 2000. Ebb...